Una visita guidata per Vercelli rigorosamente in dialetto

Un tempo parlato praticamente da chiunque, senza distinzione di età, oggi il dialetto sembra essere passato di moda. Tuttavia c’è chi ha scelto di recuperarlo: è il caso della onlus Oltre Confine che sabato 19 alle 9 propone un tour nel centro storico cittadino, rigorosamente in vercellese, dal titolo “Parlum ‘n poch ad Varsej”.

L’idea è di illustrare la storia della Città da una prospettiva del tutto differente. Il tour è stato infatti concepito su misura dei Vercellesi. Non sarà la classica visita guidata per forestieri, ma un’iniziativa per raccontare Vercelli ai Vercellesi, privilegiando un approccio ruspante, in cui ampio spazio verrà riservato ai gossip di un tempo, a curiosità ed aneddoti locali.

Il tour sarà condotto da Alberto Pistola, Vercellese nonché guida turistica abilitata con patentino. Tra i punti che verranno toccati l’Abbazia di Sant’Andrea, il Duomo, la Contrada dei Nobili, l’antico ghetto ebraico e le principali vie e piazze cittadine, per rievocare, attraverso il patrimonio artistico, storie, miti e curiosità di una delle più ricche e interessanti città del Piemonte. A fare da contorno modi di dire vercellesi, tradizioni e leggende popolari.

La visita, della durata di un’ora e mezza, sarà interamente condotta in dialetto vercellese e avrà un costo di 7 € a persona. La prenotazione è obbligatoria. Il punto di ritrovo sarà presso il sagrato della Basilica di Sant’Andrea, alle 9. Per info e prenotazioni: 375.5709240 o visiteguidate@vieniapavia.it

La visita si svolgerà in assoluta sicurezza, rispettando le disposizioni regionali e nazionali. Per questa ragione l’iniziativa è aperta a un numero massimo di 20 partecipanti più la guida. L’uso della mascherina è obbligatorio e durante il tour i partecipanti dovranno mantenere un distanziamento interpersonale di almeno un metro.

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here