Il NataLeone si chiude con una conferenza sull’Epifania

“Vidimus stellam eius. L’ufficio dell’Epifania nei manoscritti medievali” è il titolo della conferenza che chiuderà il NataLeone. A tenerla sabato 5 gennaio alle 17.30 nel Corridoio delle Cinquecentine, Gionata Brusa, un giovane ma già affermato studioso vercellese, attualmente Assistente di ricerca in Musicologia a Vienna, presso la prestigiosa Accademia Austriaca delle Scienze.

Brusa parlerà di come e attraverso quali funzioni liturgiche, nel medioevo, la Chiesa celebrava l’Epifania, con particolare attenzione a Vercelli, dove si mescolavano elementi della liturgia ufficiale ed elementi della devozione popolare. Con l’aiuto di immagini tratte dalle miniature dei codici medievali, alcuni dei quali conservati anche presso la Biblioteca del Museo Leone, si scoprirà il significato originario della festa dell’Epifania e dell’antica tradizione bizantina dei “tre miracoli”, per passare alla liturgia con i suoi antichi canti e giungere alle rappresentazioni popolari che mettevano in scena momenti ricchi di pathos ed elementi di drammatizzazione legati agli episodi evangelici della Strage degli innocenti e dell’Adorazione dei Magi.

Al termine della conferenza verrà offerto un piccolo aperitivo del territorio per brindare all’anno nuovo. Per partecipare alla conferenza è necessario prenotare al 348.3272584 (Servizi Educativi del Museo Leone). Poiché fino al 4 gennaio il Museo sarà chiuso al pubblico, per le prenotazioni non saranno validi altri numeri telefonici.

Ricordiamo inoltre che fino al 6 gennaio sarà ancora possibile consegnare, anche presso il MAC – Museo Archeologico della Città di Vercelli, abiti per l’infanzia e biancheria che andranno a beneficio dei Gruppi di Volontariato Vincenziano della Città di Vercelli. In occasione dell’Epifania, poiché prima domenica del mese, sia il Museo Leone sia il MAC saranno aperti gratuitamente con il consueto orario dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18.

Per info: info@museoleone.it e www.museoleone.it

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here