Folla di fans all’inaugurazione del Viotti Club: un girasole per tutte le signore

 

Circa duecento persone hanno visitato, nell’arco della giornata, il Viotti Club aperto dalla Camerata Ducale in via Galileo Ferraris 14. Hanno ricevuto in dono bei momenti di musica, a cura di un duo “esperto” e ai massimi livelli qualitativi, come quello formato da Guido Rimonda al violino e dal grande pianista bachiano Ramin Bahrami (che ha proposto musiche di Bach) al pianoforte e da un altro duo, sempre di violino e pianoforte, assai più giovane, ma già affermato: Giulia Rimonda e Valentina Kaufman hanno proposto Schumann e la Fantasia di Antonio Bazzini sul tema della Traviata.

Oltre alla musica, i fans della Ducale accorsi al richiamo di questo nuovo polo culturale (che si propone di elargire musica e ancora musica) hanno ricevuto in dono eleganti omaggi omaggi floreali: tutte le donne che sono accorse ai vari appuntamenti mattutini e pomeridiani hanno ricevuto un bel girasole, essendo appunto il fiore caro a Van Gogh il simbolo di questa frenetica stagione musicale “della rinascita”, che propone la bellezza di 40 concerti, ma forse più, visto che quelli appunto all’interno del Viotti Club sono ancora in via di definizione.

Cristina Canziani davanti al Viotti Club (foto Renato Greppi)

Anche in questo Viotti Festival estate la filosofia vincente della Ducale è quella di organizzare gli eventi in luoghi storici di grande fascino, abbinandoli alla qualità assoluta degli interpreti, in un perfetto “mix”di “mostri sacri” del panorama internazionale di concertisti super bravi della nuova generazione.

Esempio perfetto di come un concerto riesca a concentrare in sé tutti questi pregi è l’appuntamento che aprirà la rassegna Pianofortissimo (una delle novità di questo Viotti Festival estivo): venerdì 4 giugno, infatti, nello splendido Museo Leone (ore 19), sarà di scena un giovane quanto cristallino talento, ovvero il pianista statunitense Micah McLaurin.

Micah McLaurin

Già il programma proposto lascia intuire quanto McLaurin, appena ventisettenne ma già capace di costruirsi una carriera quanto mai prestigiosa, riesca ad essere versatile e originale: alla bellezza immortale di Chopin difatti, viene affiancata la coinvolgente freschezza di due brani di Charles Trenet nello splendido arrangiamento di Weissemberg. Una scelta che rivela un artista consapevole, in grado di spaziare con maestria tra autori e periodi differenti; il resto lo farà la sua interpretazione, non certo a caso già notata e premiata al prestigioso Premio Mormone della Fondazione Società dei concerti di Milano, la cui collaborazione ha reso possibile questo appuntamento.

 

L’occasione ideale, dunque, per festeggiare il tanto sospirato ritorno della musica dal vivo a Vercelli. E per assicurarsi il posto, permettendo al contempo il rispetto delle necessarie norme di sicurezza, è possibile rivolgersi all’Associazione Camerata Ducale chiamando il 329 1260732, scrivendo a biglietteria@viottifestival.it o recandosi sede del Viotti Club , che osserverà nel periodo estivo il seguente orario: da lunedì al venerdì 10.30 17.30 e il sabato 14.30 17.30.

La biglietteria online sul sito del Viotti Festival, sarà disponibile da martedì 8 giugno 2021 solo per i concerti al Teatro Civico e per il concerto del 13 giugno 2021 Smile, uno Stradivari al cinema che si terrà nellarea dellAntico Ospedale, con inizio alle 21.

“Smile” era la musica composta da Chaplin stesso per il suo capolavoro “Tempo moderni”

Micah McLaurin è nato nel 1994 a Charleston, dove ha studiato con Marsha Gerber ed Enrique Graf, si è diplomato presso il Curtis Institute of Music sotto la guida di Robert McDonald e Gary Graffman e attualmente studia con Jerome Lowenthal e Veda Kaplinsky alla Juilliard School di New York.

Il Philadelphia Inquirer, dopo il suo secondo ingaggio della stagione con la Philadelphia Orchestra, lo ha definito “una forte personalità con tecnica ed energia da vendere”.

Micah ha suonato come solista con orchestre di tutto il mondo tra cui la Cleveland Orchestra, l’Orquestra Filarmónica de Montevideo, la Charleston Symphony Orchestra, la South Carolina Philharmonic, la Perugia Festival Orchestra, la Virginia Symphony, la Music Academy of the West’s Academy Orchestra e la North Carolina Symphony.

Vincitore del Gilmore Young Artist Award, è stato proclamato vicintore in numerosi concorsi, tra cui si annoverano il Premio  internazionale Ettlingen per giovani pianisti, dell’Hilton Head International Competition e del Thomas and Evon Cooper International Piano Competition.

Si è esibito in recital e musica da camera al Verbier Festival, Festival di Spoleto, Music Fest Perugia, Aspen Festival, Southeastern Piano Festival, International Piano Series al College of Charleston, Miami Chopin Foundation, Gilmore Festival, Paderewski Festival of Raleigh, Les Jeudis du Piano a Ginevra e Les Pianissimes Festival a Parigi.

Nel 2019 ha fatto il suo debutto presso il Lincoln Center nella Alice Tully Hall e si è esibito al David Koch Theatre come parte del Youth America Grand Prix Gala. Ha collaborato con molti direttori d’orchestra, tra cui Joshua Weilerstein, JoAnn Falletta, Jahja Ling, Nicholas McGegan e Ken Lam.

I prossimi appuntamenti con il Viotti Festival Estate sono previsti per venerdì 11 giugno al Museo Leone (doppio concerto: Ducale.LAb alle 18 e Pianofortissimo alle 20) e per appunto per domenica 13 giugno nell’Area Antico Ospedale (ore 21).

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here