Trionfo alla Camera per il libro di Gilardino su Castelnuovo-Tedesco

 

Roma – Successo dell’iniziativa ospitata ieri dalla Sala della Regina della Camera per celebrare il 50° anniversario della scomparsa del compositore fiorentino Mario Castelnuovo-Tedesco (1895-1968), che, di origini ebree, fu costretto nel 1939 a lasciare l’Italia per le vergognose leggi razziali. “Castelnuovo-Tedesco – come ha ricordato il direttore di ‘Suonare News’ Filippo Michelangeli, moderatore della giornata. – si trasferì negli Stati Uniti, in California, dove la nascente industria cinematografica di Hollywood assumeva i migliori professionisti da tutto il mondo. Compose musica da film e, brillante didatta, formò decine di musicisti che a loro volta fornirono le colonne sonore che tutti conosciamo, come John Williams ed Henry Mancini. Ma, ovviamente, continuò a produrre musica colta”.

L’Italia non aveva mai risarcito ufficialmente Castelnuovo-Tedesco, costretto alla fuga dal nostro Paese. L’ha fatto appunto ieri, presentando a Montecitorio la sua biografia scritta dal compositore e chitarrista vercellese Angelo Gilardino. Il volume, edito dalla Curci, ed in uscita a giorni in libreria, si intitola “Mario Castelnuovo-Tedesco: un fiorentino a Beverly Hills”. Lo ha presentato, da par suo, l’autore stesso, con interventi dell’ideatore dell’iniziativa, il deputato Raffaello Vignali, della nipote del compositore fiorentino, Diana Castelnuovo-Tedesco, e di Laura Moro, direttore editoriale della Curci. A suonare musiche del maestro fiorentino hanno provveduto magistralmente il chitarrista Giulio Tampalini, la violinista Francesca Dego e la pianista Francesca Leonardi.

“ Al termine – scrive Michelangeli nella sua seguitissima pagina Facebook – sono state consegnate tre medaglie d’oro della Camera dei Deputati all’autore, all’editore e a Diana Castelnuovo-Tedesco, e un’unica preziosa, medaglia d’oro del Presidente della Repubblica, destinata all’evento”. Per decisione unanime di tutti i protagonisti, anche questa medaglia è stata consegnata alla nipote di Castelnuovo-Tedesco. Erano presenti, per il Comune di Vercelli, gli assessori Daniela Mortara e Andrea Ranieri e c’era pure il sottosegretario vercellese Luigi Bobba.

Ora anche la città di Vercelli presenterà ufficialmente il libro di Gilardino, onorando nello stesso tempo, la memoria di Castelnuovo-Tedesco. L’evento, organizzato dalla Fondazione Cassa di Risparmio, si svolgerà il 1° marzo nella rinnovata sede di via Monte di Pietà: Gilardino converserà con il giornalista Enrico De Maria, mentre brani di Castelnuovo Tedesco saranno eseguiti Alberto Mesirca, fiore di chitarrista, e dal cantante Leonardo De Lisi.

.

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here