Respinti tutti i ricorsi, la Pro rimane in C

Tramontano, forse in modo definitivo, i sogni di ripescaggio in serie B per la Pro Vercelli. Oggi poco dopo le 18.30 il Collegio di Garanzia del Coni ha deciso di mantenere la serie B a 19 squadre, avvallando la decisione della Lega e di fatto escludendo tutti i ripescaggi, dichiarando l’inammissibilità di tutti i ricorsi. La Commissione ha preso la decisione a maggioranza, 3 a 2, con il voto contrario del Presidente Franco Frattini che all’uscita ha dichiarato di non condividere la pronuncia: “Si tratta della prima volta nella mia carriera che accade una cosa del genere cioè che voto contro a una decisione presa a maggiornaza. La mia tesi era di accoglimento del ricorso e di una Serie B a 22 squadre. Purtroppo non è stata accettata. Il campionato continua a 19 squadre”.

In pratica il Collegio di garanzia del Coni ha respinto ogni ricorso contro il provvedimento con cui il commissario della Figc Fabbricini aveva bloccato i ripescaggi, fissando il format della Serie B a 19 squadre. Il Collegio, in sostanza, si è dichirato “incompetente” e ha invitato i ricorrenti a rivolgersi al Tribunale federale nazionale, il primo grado della giustizia sportiva del calcio.

La Serie B così potrà proseguire serenamente a 19 squadre, così come stabilito ad agosto. Un brutto colpo per le ricorrenti, costrette a ripartire dal via, e a fare tutta la trafila, mentre il campionato avanzerà inesorabilmente. La scelta su chi eventualmente ripescare – se Novara e Catania o Ternana e Pro Vercelli – viene dichiarata così “improcedibile”, cioè congelata in attesa degli eventi.Gli evento sono un ricorso al Tar. Ma non è detto che tutti percorreranno questa strada.

 

 

Ecco il comunicato della sentenza del Coni

 

 

Il Collegio di Garanzia, a Sezioni Unite,

 

HA DICHIARATO INAMMISSIBILI i ricorsi proposti da Ternana (R.G. 73-2018) e Pro Vercelli (R.G. 74-2018) contro la Lega Nazionale Professionisti Serie B e nei confronti della Federazione Italiana Giuoco Calcio, della Lega Nazionale Professionisti Serie A, della Lega Italiana Calcio Professionistico, delle società Novara Calcio S.p.A., , Robur Siena S.p.A., Virtus Entella s.r.l., Calcio Catania S.p.A. per l’annullamento del provvedimento assunto dalla Lega Nazionale Professionisti Serie B del 31 luglio 2018, con il quale la predetta LNPB si è rifiutata di emettere le certificazioni di sua competenza, previste dal C.U. n. 18 del Commissario Straordinario in data 18 luglio 2018, nonché della decisione assunta dalla medesima LNPB di pubblicare il calendario del Campionato di Serie B 2018/2019 con l’organico a 19 squadre, resa nota dalla predetta Lega in data 10 agosto 2018, e di ogni ulteriore atto presupposto, annesso, connesso, collegato e conseguente ai predetti provvedimenti e decisioni;

 

nonché i ricorsi proposti da Ternana (R.G. 75-2018) e Pro Vercelli (R.G. 76-2018) nei confronti della Federazione Italiana Giuoco Calcio, della Lega Nazionale Professionisti Serie B, della Lega Nazionale Professionisti Serie A, della Lega Italiana Calcio Professionistico, delle società Novara Calcio S.p.A., , Robur Siena S.p.A., Virtus Entella s.r.l., Calcio Catania S.p.A.  per l’annullamento delle delibere del Commissario Straordinario FIGC del 13 agosto 2018, pubblicate con C.U. n. 47, n. 48 e n. 49 e del C.U. n. 10 della LNPB, con cui è stato pubblicato il Calendario relativo al Campionato di Serie B 2018/2019, nonché di ogni ulteriore atto presupposto, annesso, connesso, collegato e conseguente ai predetti decisioni;

 

Ecco la sentenza

La decisione è stata assunta a maggioranza con il dissenso del Presidente del Collegio di Garanzia e di un componente.

 

HA DICHIARATO IMPROCEDIBILI PER SOPRAVVENUTO DIFETTO DI INTERESSE i ricorsi promossi da Ternana (R.G. 69-2018), Siena (R.G. 70-2018) e Pro Vercelli (R.G. 71-2018)  contro il Novara Calcio S.p.A. e nei confronti della Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC), la Lega Nazionale Professionisti Serie A (Lega Serie A), la Lega Nazionale Professionisti Serie B (Lega Serie B), la Lega Italiana Calcio Professionistico (Lega Pro), per l’annullamento della decisione della Corte Federale d’Appello FIGC, di cui al C.U. n. 008/CFA del 6 agosto 2018 (dispositivo pubblicato sul C.U. n. 007/CFA del 1 agosto 2018), comunicata in pari data, con la quale è stata confermata la decisione del Tribunale Federale Nazionale – Sez. Disciplinare, di cui al C.U. n. 8/TFN del 19 luglio 2018 (dispositivo pubblicato sul C.U. n. 7/TFN del 17 luglio 2018), che ha annullato il punto D4 della delibera del Commissario Straordinario della FIGC di cui al C.U. n. 54 del 30 maggio 2018, nonché per l’annullamento di ogni ulteriore atto presupposto, annesso, connesso, collegato e conseguente alle predette decisioni.

 

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here