Più di 540 medici hanno risposto all’appello della Regione per rinforzare le aziende sanitarie piemontesi

A pochi giorni dalla pubblicazione, da parte della Regione Piemonte, dell’avviso per la raccolta delle manifestazioni di interesse, sono 545 i medici che hanno fornito la disponibilità a prestare assistenza nelle Aziende sanitarie del Piemonte per l’emergenza Covid, attraverso incarichi libero professionali da stipulare con le singole Aziende.

In particolare, l’appello della Regione è rivolto a medici specialisti, medici specializzandi, iscritti all’ultimo e al penultimo anno di corso delle scuole di specializzazione, laureati in medicina e chirurgia, abilitati alla professione medica e iscritti agli ordini professionali, personale medico collocato in quiescenza, anche ove non iscritto al competente albo professionale in conseguenza del collocamento a riposo.

«Siamo grati a quanti si stanno mettendo a disposizione – osserva l’assessore regionale alla Sanità del Piemonte, Luigi Genesio Icardi -, abbiamo bisogno di unire le forze per affrontare la recrudescenza della pandemia. L’apporto dei medici, come di tutto il personale sanitario è fondamentale, il bando rimarrà aperto per tutto il perdurare dell’emergenza».

La durata dell’incarico e l’impegno orario verranno concordate tra l’azienda e il professionista a seconda della disponibilità manifestata e del perdurare della necessità assistenziale. Le candidature devono essere presentate mediante procedura telematica attiva 24 ore su 24 da qualsiasi postazione collegata alla rete internet, attraverso il sito https://aslcittaditorino.iscrizioneconcorsi.it/

Eventuali chiarimenti potranno essere richiesti all’indirizzo email personale.dirmei@aslcittaditorino.it oppure telefonando allo 011.5662816.

 

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

2 Commenti

  1. 500 !!! pecato che, stando ai precisi calcoli di Delli Carri (avrete di certo letto l’interessante intervista di poche ore fa) ne servirebbero 3000 .. visto che l’ordine di idee è quello di “richiamare alle armi” … “tutti” i disponibili (neolaureati .. pensionati di lungo corso … “sbandati”, etc.) si potrebbe ricorrere a qualche cittadino dell’est europa dotato di laurea falsa o agli extracomunitari in arrivo sui barconi, magari per affidare a coloro che non pretendano di partire subito per Nizza, le migliori cure per gli/le asintomatici/che .. e alla fine .. “andrà tutto bene”, come nel film:
    https://www.youtube.com/watch?v=l36LlLDegBU

  2. La cinematografia dovrebbe tornare ai bellissimi finali da lacrime .. almeno, poi, uscendo dal cinema, potremmo dire : bel filme .. che fortuna .. sono solo “un” asintomatico !?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here