Domenica la sede dell’Anpi di Vercelli sarà intitolata alla partigiana “Fiamma”

Anna Marengo al comizio del 1° Maggio 1945 a Vercelli

Trasferitasi nell’area del chiostro dell’ex chiesa di San Pietro Martiri, in via Dante, la sede dell’Anpi non aveva ancora una intitolazione: ma da domenica pomeriggio si chiamerà “Anna Marengo”, la famosa partigiana-medico “Fiamma”, un vero mito della lotta per la Liberazione nel Vercellese e nel Biellese.

Il taglio del nastro, in programma alle 17,30, sarà preceduto dalla lettura di un capitolo del libro della Marengo “La storia non è ancora finita” che, nel 1952, vinse il premio letterario “Prato”. Il capitolo riguardante “Cichin”, combattente della Resistenza cui la Marengo (che era medico) e un suo collega dell’ospedale, poi datosi alla lotta partigiana, il dottor Ansaldi, erano stati costretti ad amputare una gamba aggredita dalla cancrena, in una situazione di assoluta emergenza. La lettura sarà a cura di Anna Jacassi di “Tam Tam”.

Un solo episodio che testimonia emblematicamente tutta l’incredibile vicenda di questa dottoressa coraggiosa che, tra l’altro, combattè il nazifascismo con altre indimenticabili figure vercellesi, prima fra tutte, Mimma  Bonardo, scomparsa, nonagenaria, nella primavera dello scorso anno.

Ma tornando a domenica, dopo il taglio del nastro e interventi del presidente regionale Anpi, Ezio Montalenti, del presidente provinciale Bruno Rastelli e della presidente vercellese Elisabetta Dellavalle, Monica Schettino, docente e Ricercatrice dell’Istituto pr la Storia della Resistenza di Vercelli e Biella, presenterà “Una storia con la ‘a’”, biografia della Marengo. Nel farlo, si avvarrà della collaborazione musicale dell’organettista Mauro Manicardi.

Seguirà un intervento musicale del percussionista del progetto “A Sud di Bella Ciao” Gigi Biolcati.

Durante l’evento, nell’adiacente Sala delle Unghie (che ha una capienza massima di 12 spettatori) sarà proiettato in loop il documentario “Fianna e Janos”. Seguirà un aperitivo “partigiano con i prodotti  della Coop sociale “Il Mattarello” ed i vini del viticoltore e presidente dell’Anpi di Gattinara Franco Patriarca.

L’ingresso, causa del numero limitato di posti (anche a causa delle restrizioni Covid) è riservato a chi si è prenotato. Ulteriori informazioni, per eventuali posti a sedere ancora dispoibili,  si possono avere scrivendo alla e-mai elisabettadellavalle@libero.it. Il pubblico, a causa dei controlli anti Covid, dovrà accedere nell’area dalle 16,30 alle 17.

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

1 commento

  1. Viste le circostanze sarà molto difficile riuscire ad assistere alla cerimonia. Non dovrebbero esserci problemi, invece, negli orari di apertura abituali:
    MART. 10-12.e VEN 17-19

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here