A Biella si parla di “Viaggio nella depressione”

La depressione interessa 4,5 milioni di persone in Italia e nel 2030, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, potrebbe diventare la malattia cronica globalmente più diffusa.

Queste cifre preoccupanti sono alla base del libro dello psichiatra Claudio Mencacci e della giornalista Paola Scaccabarozzi “Viaggio nella depressione. Esplorarne i confini per riconoscerla e affrontarla”, promosso da Onda, l’Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, che sarà presentato mercoledì 6 marzo alle 18 nella sala Tempia dell’Ospedale degli Infermi a Biella.

L’iniziativa è di Asl Biella e Fondazione Tempia, la cui presidente Viola Erdini è “antenna” regionale di Onda: «I sintomi della depressione mettono in seria difficoltà la qualità della vita e il problema colpisce molto più di frequente le donne rispetto agli uomini. I recenti approfondimenti scientifici hanno ricordato l’importanza di studi correlati al genere su questo tema. E questo libro lo ricorda nel dettaglio».

Il saggio fotografa tutti gli aspetti della malattia: sociali, epidemiologici, clinico-diagnostici, terapeutici ed economici, con l’obiettivo di farla conoscere meglio, prevenirla e affrontarla. «La depressione è uno dei focus della nostra attività – commenta Francesca Merzagora, presidente Onda – perché è sottostimata, a forte prevalenza femminile, spesso correlata ad altre patologie, con un forte impatto sulla qualità della vita e sulla quale aleggia ancora uno stigma da superare».

«La depressione condiziona pesantemente la vita di chi ne soffre – spiega Claudio Mencacci, coautore e direttore del dipartimento salute mentale e neuroscienze dell’Asst Fatebenefratelli Sacco di Milano – e può diventare una condizione debilitante anche per i suoi riflessi sulla sfera cognitiva riducendo il funzionamento della persona in ambito lavorativo, scolastico e sociale. Questo volume, i cui diritti d’autore cederò a Onda, vuole restituire una rappresentazione della depressione nelle sue varie manifestazioni, nella speranza che le persone che ne soffrono possano affrontarla nella maniera più efficace».

«La depressione – conclude Paola Scaccabarozzi – è un’apatia logorante che fa vedere la vita a tinte fosche e può colpire in tutte le fasi dell’esistenza, ma fortunatamente la possibilità di uscirne esiste. Questo volume vuole essere uno strumento per conoscerla meglio, prevenirla e affrontarla».

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here