Si finge del servizio idirco e ruba ad un anziano, che lo fa entrare in casa, soldi e gioielli

 

Ancora un truffa, vigliacca, ad un anziano che, inconsapevole, è caduto nel tranello di truffatori senza scrupoli. Questa volta il malvivente si è spacciato per un dipendente del servizio idrico. La vicenda si è verificata ieri mattina verso le 11 a Trino, quando il truffatore suona il campanello di casa di un uomo di 74 anni e poi si presenta con indosso una pettorina catarifrangente dicendo di essere un incaricato del servizio idrico. Parlantina svelta, convincente, asserisce di trovarsi lì per controllare le tubature perché era stata segnalata la contaminazione dell’acqua potabile.

L’anziano ha così fatto entrare in casa il falso addetto che lo ha invitato a riporre gli oggetti in oro e il denaro nel frigorifero per evitare che si potessero danneggiare a seguito dell’opera di manutenzione necessaria ed effettuata con “reagenti chimici”. Ovviamente si trattava di una storia inventata. La vittima però, ignara, ha assecondato la richiesta riponendo nel frigo 2000 euro e alcune collane e anelli. Il malfattore ha invitato il padrone di casa ad uscire dalla cucina per evitare di respirare il gas tossico che avrebbe spruzzato per evidenziare la presenza di eventuali perdite dalle tubature. L’anziano ha eseguito e questo ha permesso al truffatore di agire indisturbato, aprendo il frigo ed appropriandosi dei soldi e dei gioielli.

 

Poco dopo il finto addetto all’acquedotto ha detto alla vittima, tranquillizzandola, che non c’erano perdite per poi allontanarsi velocemente.  L’anziano si è accorto quasi subito del furto dei suoi averi, ma il falso addetto era già scomparso. Non gli è restato che denunciare il tutto ai carabinieri.

Alla luce di quanto accaduto, aggiungono i Carabinieri “appare evidente che la vittima purtroppo non ha adottato alcuno dei consigli che in passato sono stati più volte richiamati e cioè quello di non far entrare in casa sconosciuti, di non tenere in casa grosse somme di denaro e di chiamare il 112 per chiedere informazioni e per segnalare simili eventi criminosi. L’invito che viene rinnovato va soprattutto indirizzato ai figli/parenti/conoscenti più giovani delle potenziali anziane vittime, affinché intervengano adeguatamente nei confronti dei loro cari cercando di convincerli ad evitare di tenere in casa somme consistenti di denaro e soprattutto di non far entrare in casa estranei”.

 

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

1 commento

  1. Purtroppo è l’ennesima storia di questo genere .. questi malfattori hanno un intuito innato e riescono a calibrare le richieste in base al comportamento e soprattutto alla natura dell’aggredito. Per questo si verificano spesso delle richieste che parrebbero assurde e utili a porre chiunque sul chi va la .. come quelle de- “il falso addetto che lo ha invitato a riporre gli oggetti in oro e il denaro nel frigorifero per evitare che si potessero danneggiare” .. invece, son convinto che l ladro avrebbe usato altri stratagemmi se avesse intuito l’impossibilità di essere “obbedito”. Del resto, a ben vedere, è la medesima strategia posta in atto con successo negli ultimi due anni dal nostro Governo: spararla sempre più grossa a patto che (/finché) i cittadini “la bevano” con fiducia.

Rispondi a vraie55 Cancella la risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here