Salvato nella notte escursionista sopra Cervatto

Brutta avventura a lieto fine per un per un escursionista  di 31 anni che da ieri sera  risultava  disperso visto che non era rientrato dal Pizzo Tracciora, sopra Cervatto, cima che sfiora i 2000 metri di altitudine.
Sono stati i familiari a dare l’allarme facendo intervenire squadre Vigili del Fuoco del Comando di Vercelli, del distaccamento di Varallo e del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza per le ricerche. Sul posto anche i carabinieri di Borgosesia.

Poco dopo l’una di notte, l’escursionista è stato individuato, in buone condizioni e riportato a valle, intorno alle 2,40.

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

1 commento

  1. La Montagna, come il Mare non sono interlocutori cui dare troppa confidenza .. quelli se ne approfittano! .. Ultimamente mi è parso che, se per fortuna non ci sono state conseguenze irreparabili, molti sono i casi nei quali i coraggiosi e intraprendenti appassionati, forse a volta anche degli autentici “neofiti”, sono ancora qui fra noi solo grazie all’intervento (questa volta è il caso di dire) degli “Esperti”. Quali le spiegazioni dell’accrescersi del fenomeno degli “smarrimenti”? (ammesso che non sia solo una mia impressione) faccio delle ipotesi:
    1) il clima non è quello di una volta, cambiamenti più repentini,
    2) la stampa ne da più volentieri, trattandosi di fatti negativi
    3) gli stessi frequentatori della Montagna rischiano di più .. tanto si sa che alla fine li salvano.
    Nel caso fosse vera la terza ipotesi potremmo, per responsabilizzarli maggiormente, organizzare una falsa catastrofica scalata ad una montagnola bassa bassa .. con morti e feriti gravi, parenti in lacrime, ospedali pieni e vaccini ancora non pronti .. tutto a cura del Ministero della Salute (che in fatto di bugie è inimitabile) Rai .. meglio se con attori noti, belle ragazze, lgbt, gay, qualche extracomunitario irregolare, studenti, preti. Così porremo fine al piccolo e diabolico sopruso montano di quegli imprudenti, screanzati che ci mettono continuamente in ansia, attuando il paventato “scappo ma mi lascio prendere” (salvare).

Rispondi a vraie55 Cancella la risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here