Lega: “Nessun dialogo, la Forte si dimetta subito”

Vercelli – La Lega cancella ogni possibilità di dialogo con il Sindaco Maura Forte che, anzi, invita a dimettersi subito per interrompere la “fallimentare esperienza di sindaco, che solo ora che vede a rischio il suo mandato, nell’imminenza del consiglio del bilancio, si prodiga di dichiarazioni di possibile condivisione di obiettivi e ricerca appoggi in un Consiglio Comunale che ha invece ripetutamente, esautorato nelle sue funzioni, non rispettando moltissime deliberazioni consiliari approvate, magari solo perché proposte e approvate grazie alla Lega o alla minoranza, che al contrario, hanno dato prova di maturità amministrativa”.

Un attacco senza mezzi termini sferrato con un documento diffuso in serata, che sancisce la chiusura a ogni dialogo da parte del Carroccio, dopo le polemiche che sono seguite sia all’apertura dei consiglio con un numero legale più basso, sia alle mai riuscite surroghe dei consiglieri dimissionari, stoppate dall’opposizione.

Nella nota dalla segreteria territoriale del movimento, l’onorevole Paolo Tiramani attacca: “Sono basito che il Pd e Luigi Bobba continuino a cercare appoggi e strapuntini per fare proseguire per forza o per inerzia una sindacatura cotta e bollita. Ci vorrebbe molta più dignità e maturità nell’accettare di aver fallito il progetto politico di centrosinistra, naufragato già dopo soli 10 mesi dal suo esordio ma trascinatosi fino ad oggi solo grazie agli appoggi del gruppo di Sinistra e Voce Libera e addirittura con il passaggio ad altro gruppo e in maggioranza di colui che prima era stato candidato sindaco per il M5S e che fino a poco prima raccoglieva firme per le dimissioni del sindaco Forte”.

A Tiramani fa eco il vice-segretario provinciale Gian Carlo Locarni: “Il fallimento è dimostrato anche dal record di assessori cambiati o dimissionati, di consiglieri comunali di maggioranza dimessi e dai tantissimi punti interrogativi e perplessità emersi dall’analisi degli atti amministrativi della giunta Forte”.

Tiramani e Locarni attaccano anche sui presunti contatti o tentativi di tali avvicinamenti con la minoranza: “Cose da prima repubblica, vogliamo vedere chi avrà il coraggio di far proseguire la sindacatura di Maura Forte. A Vercelli c’è bisogno di chiarezza, trasparenza, e di una politica non delle cadereghe ma per la gente, per i cittadini, per la città e il territorio”.

Per le prossime elezioni “La Lega si presenterà arrivandoci come primo partito più votato alle ultime elezioni, aperto al dialogo con tutte le forze politiche e civiche che condivideranno questi obiettivi; fin da oggi dichiariamo però che non ci sarà spazio per alleanze con chi avrà permesso a Maura Forte e al Pd di andare oltre a questo punto di non ritorno”.

La Lega ricorda inoltre che era “solo qualche giorno fa che il sindaco rilasciava ai giornali una lettera dai contenuti molto pesanti verso la minoranza, salvo poi smentirla in streaming durante l’avvio del Consiglio Comunale”. “Di fronte a questa schizofrenia politica – è la conclusione – probabilmente frutto di pessimi consigli all’interno della sua giunta, la cosa migliore per Vercelli è che Maura Forte vada a casa, non perchè è del Pd, ma per motivi di buonsenso, ha avuto quattro anni che ha sprecato, e ora si trova senza più maggioranza”.

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here