La stagione degli Anacoleti si apre con L’ospite di Ciro Masella

Debutta “Matheria”, la stagione teatrale degli Anacoleti, e come lo scorso anno, quando la rassegna si chiamava “Praesentia”, toccherà di nuovo a Ciro Masella il compito. Ricordiamo infatti che il regista e attore era già stato ospite del teatro off di corso De Gregori in occasione di “Gioco di Specchi” e “Il Generale”.

Venerdì 19 alle 21 Masella porta in scena “L’ospite (una questione privata)”, spettacolo tratto dall’opera di Oscar De Summa, da lui diretto e interpretato insieme al collega Aleksandros Memetaj. Come già successo ne “Il Generale”, anche in questo caso lo scopo è di poter studiare e scoprire ciò che si cela nelle profondità dell’animo umano e capire fino a che punto si è pronti a spingersi per far valere quella che viene definita giustizia.

«Viviamo in una società in cui l’abuso di potere è all’ordine del giorno, e non mi riferisco solo al mero discorso politico, ma anche alla sfera familiare, alle relazioni all’interno della società. Il punto è: quanto siamo in grado di capire qual è il limite del nostro diritto di esercitare quella che non definiamo giustizia?», spiega l’autore De Summa.

Una persona si introduce in casa di un’altra persona con l’intento di rubare. Il proprietario arriva e trova lo sconosciuto con le mani in qualcosa di suo, in ciò che rappresenta il sudore della sua fronte, i suoi affetti. La vittima del furto potrebbe chiamare la polizia, fare ciò che è suo diritto, e invece decide di agire diversamente, di farsi giustizia da sola, di esercitare un potere e una forza bestiale, e fino ad allora nascosta, contro quell’altra persona, intenta a rubare oggetti privati, a toccare affetti intimi e troppo preziosi per rimanere impunita.

“L’ospite” è uno spettacolo sull’immagine di un uomo messo di fronte alla gestione della vita di un altro essere umano e alla sua decisione di abusarne, di torturarlo. Un animale che caccia, che cerca la preda per la sua sopravvivenza, attacca, uccide, ma non tortura. Torturare è presente solo nell’essere umano, è una perversione che non fa parte di nessun’altra specie vivente, e pensando in questi termini viene da rabbrividire: è una follia.

La prenotazione è consigliata. La biglietteria sarà aperta dalle 19 per tesseramenti e/o abbonamenti. Biglietto intero 12 €, ridotto (under 20, studenti universitari e over 65) 10 €. Per info: 335.5750907, spettacoli@anacoleti.org, www.anacoleti.org e www.facebook.com/anacoleti.teatro/

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here