Immagini sdoppiate: il secondo incontro è con Matteo Agarla

Fonte pagina FB Matteo Agarla.

Secondo appuntamento con “Immagini sdoppiate”, la rassegna fotografica, quest’anno incentrata su ambiente naturale e sociale, organizzata dall’Università Popolare di Vercelli in collaborazione con l’Ovest Sesia. Dopo l’esordio di febbraio con gli “Infiniti ghiacciai” di Francesco Canale, venerdì 22 alle 21 nella Sala Parlamentino di via Duomo toccherà a Matteo Agarla con “Spettri di realtà”.

Agarla è un’artista che usa il contrasto di luci e ombre per plasmare e ridefinire la materia. Il suo è un percorso di astrazione che ha attirato anche le lodi di un critico del calibro di Vittorio Sgarbi. Nato a Gattinara nel 1988, dopo studi scientifici si lascia sedurre dalla propria vocazione artistica all’insegna della comunicazione e della grafica pubblicitaria, senza dimenticare le altre dimensioni come la pittura, l’incisione, la scultura, la fotografia e la poesia.

Di rilievo le sue collettive come incisore presso l’Atelier Giuseppe Ajmone a Carpignano Sesia nel 2008 e la mostra “Vultuum, Domine, Requiram” al Seminario Arcivescovile di Vercelli nel 2010. Terminati gli studi presso l’Accademia di Belle Arti ACME di Novara decide di proseguire i propri studi all’Accademia di Brera a Milano e si laurea a pieni voti nel 2013 diventando capotecnico di arti grafiche, mentre nel 2015 ottiene la Medaglia d’oro del Nobile Collegio Caccia di Novara come uno dei migliori studenti universitari.

Per partecipare alla serata è obbligatoria la prenotazione presso la segreteria Unipop di via Attone Vescovo, 4 al costo di 5 €. Al termine della presentazione, seguirà la degustazione di prodotti del territorio a cura dell’Associazione di Irrigazione Ovest Sesia. Per informazioni: 0161.56285 o universitapopolare.vc@gmail.com

Il terzo e ultimo appuntamento di “Immagini sdoppiate” si terrà il 12 aprile sempre nella Sala Parlamentino. Ospite Maurizio Faraboni che presenterà “Figli di un dio minore”.

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here