Il tampone aggiuntivo al green pass divide il centrodestra in Consiglio e il Pd non manca di sottolinearlo

 

Non è passato in Consiglio comunale il tentativo dei sei componenti di Fratelli d’Italia e del rappresentante del Gruppo misto, l’ex capogruppo del Movimento 5 Stelle Michelangelo Catricalà (ai quali si sono aggiunti al momento del voto due componenti di Voltiamo Pagina), di richiedere l’esito di un tampone negativo fatto entro le 48 ore,  oltre al green pass, per far accedere in aula i consiglieri prima dell’assemblea cittadina.

Infatti, Lega, Forza Ialia, Pd, SiAmo Vercelli e Giuseppe Cannata (Gruppo Misto) hanmo respinto l’ordine del giorno con 18 voti contro 9. Per partecipare ai Consigli comunali in presenza, come avviene in tutt’Italia, continua ad essere sufficiente il green pass.

L’esito del voto ha comunque messo in evidenza che sul green pass è sorto un duro conflitto tra Lega e Fratelli d’Italia, i due partiti di maggioranza che hanno il maggior numero di consiglieri. E subito il Pd ne ha approfittato per emettere un comunicato stampa che mette il dito sulla piaga. Per la verità, proprio per evitare l’evidenza del conflitto, saggiamente, Alberto Pipitone della Lega aveva proposto il rinvio della discussione dell’ordine del giorno, per “possibili vizi di legittimità” (la materia sarebbe di competenza di Stato e Regione, non certo di un Consiglio comunale, questa la tesi della Lega), ma la proposta di rinvio era stata bocciata da una maggioranza estemporanea e trasversale che comprendeva lo stesso Pd.

Tra l’altro, sempre nell’ottica di non arrivare ad un voto su argomenti divisivi in aula con Fratelli d’Italia, che avrebbero potuto mettere in difficoltà anche lo stesso sindaco, la Lega nella stessa seduta aveva ritirato la propria mozione sull’ordine pubblico, quella in cui c’era un tutt’altro che velato e irrituale attacco alla comandante dei Vigili Urbani. Ma sul green pass si è andati al dibattito e al voto, con l’esito che si è detto. Per inciso, tra tutti gli interventi in aula, noi abbiamo apprezzato tantissimo quello della dottoressa Renata Torazzo, di SiAmo Vercelli che ha sottolineato l’importanza fondamentale dei vaccini per uscire definitivamente fuori dalla pandemia, respingendo alcune strampalate teorie esposte da altre parti.

Di qui, questo comunicato stampa spedito poco fa dal Pd, a firma del capogruppo Alberto Fragapane.

“Un centrodestra sempre più spaccato si divide due volte nella discussione dello stesso punto, nuovamente sul tema dei vaccini, un argomento su cui chi governa la città dovrebbe avere le idee estremamente chiare, a maggior ragione nel corso di una pandemia.

Nel corso del Consiglio Comunale di ieri, infatti prima la Lega e poi Fratelli d’Italia sono stati messi in minoranza nell’ambito della discussione di una proposta nella quale si affermava che l’utilizzo del tampone dovesse divenire l’unica soluzione per poter accedere in aula consigliare, sminuendo nel testo l’enorme importanza dello strumento della vaccinazione.

Prima la Lega ha provato a evitare la discussione chiedendo un rinvio, che abbiamo respinto per assenza di motivazioni che non fossero quella di non voler far emergere le divisioni interne al centrodestra. In seguito la mozione è stata bocciata, facendo andare in minoranza il gruppo di Fratelli d’Italia che l’aveva proposta.

Il Partito Democratico ha ovviamente votato contro, ribadendo la posizione di buonsenso affermata a tutti i livelli e in tutti i contesti: la vaccinazione è l’unica strada possibile per superare la pandemia, garantire la salute dei cittadini ed evitare nuove chiusure che danneggerebbero le attività economiche e la vita sociale di tutti. Grazie alla scienza, grazie ai ricercatori, grazie ai vaccini.

Auspichiamo che dopo questa ennesima divisione il centrodestra decida di tenere fuori almeno il tema della salute dalle proprie diatribe politiche.

Diatribe che sono state evitate all’ultimo per quanto riguarda la discussione del documento che la Lega aveva presentatodenunciando la necessità di maggiori interventi su sicurezza e decoro urbano, ritirato dalla Lega stessa poco prima della discussione.

A dimostrazione di come questi temi fossero stati utilizzati in modo strumentale, scaricando la responsabilità sui dipendenti del comune, solamente per risolvere i propri scontri interni e non per migliorare le condizioni della città e la qualità della vita dei cittadini vercellesi”.

Alberto Fragapane, Capogruppo Partito Democratico Vercelli

 

 

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

3 Commenti

  1. La “divisione” su questioni attinenti a “vaccini & tamponi” è piuttosto interessante perché “sottotraccia” è ora ben visibile la diversa capacità di comprendere senza nasconderlo il pieno fallimento della campagna anti-pandemica, su tutti i fronti (come peraltro inevitabile). Che si stia muovendo qualcosa di serio a livello mondiale? La WW3?… C’è già?… Avremo anche senza tale passaggio un NWO, ma non quello che è da tempo nei desideri dei fautori dell’acronimo?
    Un lumicino s’è acceso!!?

Rispondi a vraie55 Cancella la risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here