Il Sant’Andrea punta a diventare ospedale Unicef “Amico dei Bambini”

Prosegue il percorso intrapreso dall’Asl di Vercelli per l’accreditamento UNICEF come Ospedale amico dei Bambini. L’iniziativa, chiamata “Insieme per l’Allattamento: Ospedali&Comunità Amici dei Bambini uniti per la protezione, promozione e sostegno dell’allattamento materno” fa parte di quei programmi internazionali che aiutano i servizi sanitari a migliorare le pratiche assistenziali rendendo protagonisti i genitori e sostenendoli nelle scelte per l’alimentazione e la cura dei propri bambini.

 

Nella prima fase del programma, sono state redatte e definite tutte le procedure aziendali che servono come base fondamentale per regolare e disciplinare questa attività. L’Asl di Vercelli, anche grazie al sostegno fornito in passato dal Rotary Club S. Andrea di Vercelli che ha supportato il progetto con un contributo di 12.000 euro, ha scelto di investire in un progetto fatto di più tappe e che prevede per tutte le strutture che intendono intraprenderlo requisiti e standard ben precisi, specie nell’adozione di buone pratiche che comprendono il rispetto del Codice Internazionale sulla Commercializzazione dei Sostituti del Latte Materno.

 

Nei giorni scorsi l’ASL VC ha superato la seconda fase dopo la verifica dei valutatori, arrivati a Vercelli per verificare che il percorso formativo realizzato in questi mesi con gli operatori sia stato proficuo. Gli esperti UNICEF hanno intervistato il personale coinvolto nel progetto, che lavora sia in ospedale che nei consultori territoriali, per valutare la preparazione e conoscenza rispetto all’acquisizione delle migliori pratiche nell’assistenza alla mamma, al bambino e alla famiglia in generale fin dall’avvio della gravidanza.

 

Il punto nascita di Vercelli si avvia, dunque, adesso alla fase 3, che vedrà il coinvolgimento diretto delle mamme, fase indispensabile per poter ottenere il riconoscimento definitivo. Una pratica, quella del sostegno all’allattamento materno, favorita in questi mesi anche da alcuni accorgimenti specifici come la creazione di postazioni ad hoc all’interno degli ospedali in cui la mamma possa allattare con tranquillità o avere a disposizione un fasciatoio per un cambio pannolino. Recentemente, nell’area di ingresso del Sant’Andrea di Vercelli, è stato creato il sesto “pit stop allattamento” che si va ad integrare agli altri già presenti: uno in Radiologia, uno al Nido, due in Pediatria e uno presso il Consultorio.

 

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

1 commento

  1. Bambini… allattamento.. allattamento artificiale. UNICEF. Come eravamo arretrati, prima. Poveri bambini, quelli nati prima del 2020/2021!.. Cosa ne direbbe Francesca Archibugi? Regista (chiunque puo’ parlare di politica ma i piu’ preparati, attivi e ascoltati vengono da cinema e teatro)… secondo la quale i bambini sono dello Stato. Dato che lo Stato, anche sul latte, latita, subentra l’UNICEF.. cos’e’ l’UNICEF? una cosa ancora piu’ bella dello Stato?! Uno stato Mondiale.!?
    Aspiriamo a poter mostrare la coccarda dell’UNICEF, ma non e’ gratuita.

Rispondi a vraie55 Cancella la risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here