Partiti i festeggiamenti per gli 800 anni del Sant’Andrea

Sala Consiliare gremita per l’apertura ufficiale delle celebrazioni per gli 800 anni della basilica di Sant’Andrea. Era infatti il 19 febbraio 1219 quando venne posata la prima pietra di quello che sarebbe diventato col tempo il monumento simbolo di Vercelli, primo esempio di gotico in Italia.

A fare gli onori di casa il sindaco Maura Forte che prima del suo intervento ha voluto ringraziare tutte le autorità presenti e le istituzioni, le fondazioni, le associazioni, i musei cittadini che hanno reso possibile la realizzazione di questo importante evento. Citarli tutti sarebbe impossibile.

Prima di iniziare è stato proiettato un breve video del regista Matteo Bellizzi in cui la chiesa è stata ripresa da tutte le angolazioni, anche con l’aiuto di droni. «Sono passati 800 anni – così Maura Forte – tante generazioni di vercellesi hanno varcato la porta del Sant’Andrea, in occasioni di gioia e per chiedere conforto. È una chiesa che abbraccia tutto il nostro vissuto, è un luogo d’arte dove la spiritualità ha un valore rilevante».

Il sindaco ha poi ricordato l’opera del cardinale Guala Bicheri che fu mandato in Inghilterra dal pontefice Innocenzo III e che quando tornò a Vercelli diede l’avvio alla costruzione dell’edificio. Nel frattempo durante la sua missione aveva redatto la Magna Charta a cui sarà dedicata una mostra in Arca. Il primo cittadino ha raccontato quando nel 2018 la delegazione vercellese si è recata a Hereford per gettare le basi di questo progetto.

La prima a interessarsi fu l’associazione Chesterton, guidata da Gianna Baucero e da suo marito, il compianto Ezio Candellone. «Assieme a Candellone – ha concluso Maura Forte – voglio ricordare Andrea Raineri, il giovane assessore prematuramente scomparso il mese scorso. È a lui che vogliamo dedicare i festeggiamenti per l’ottocentesimo anniversario del Sant’Andrea».

La parola è passata al presidente della Fondazione CRV Nando Lombardi, che ha parlato di «sviluppo culturale e turistico», e all’assessore Daniela Mortara che ha elencato i principali appuntamenti legati alle celebrazioni. Il primo è la mostra “La Magna Charta, Guala Bicheri e il suo lascito”, curata da Daniele De Luca e da Saverio Lomartire, che si terrà in Arca e sarà divisa in tre sezioni: una per il documento che approderà in Italia per la prima volta, una multimediale e un’altra con un apparato di fonti e immagini legate a Guala Bicheri; il secondo è il grande convegno internazionale di fine maggio, organizzato dall’UPO e dalla Società Storica Vercellese, che richiamerà studiosi da tutto il mondo.

In questo frangente saranno coinvolti tutti i musei vercellesi che proporranno approfondimenti sul Sant’Andrea: ad esempio al Museo del Tesoro del Duomo sarà esposta la Mappa Mundi. Il primo incontro in assoluto invece è quello del 28 febbraio alle 18 nella Sala Parlamentino dell’Ovest Sesia, che sarà curato da Chesterton. Per restare aggiornati sugli eventi è stato creato un sito internet: http://www.santandreavercelli.com ed è già attiva da mesi la pagina Facebook.

La lunga mattinata si è chiusa con la presentazione del francobollo che celebra la basilica. A spiegarlo Enrico Meneguzzo di Poste Italiane. Il francobollo appartiene alla serie tematica “Il Patrimonio Artistico e Culturale Italiano”, è relativo al valore della tariffa B zona 2 pari a 2,40€, ha una tiratura di seicentomila esemplari in fogli da ventotto, è stampato dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A., in calcografia, su carta bianca, patinata neutra, autoadesiva, non fluorescente. Il bozzetto e incisione sono di Maria Carmela Perrini.

Il francobollo si potrà acquistare oggi, martedì, dalle 16 alle 20 nel banchetto di Poste Italiane davanti alla basilica dove verrà apposto un timbro unico. L’annullo primo giorno di emissione è disponibile presso l’ufficio postale di Vercelli centro. Per l’occasione è stato realizzato anche un folder in formato A4 a due ante contenente il francobollo, una cartolina annullata ed affrancata, una busta primo giorno di emissione, al costo di 15 €.

Ricordiamo infine che questo pomeriggio alle 17.30 all’interno della chiesa verrà celebrata la Santa Messa, officiata dall’arcivescovo di Vercelli Marco Arnolfo. Sancirà, dopo l’inaugurazione civile, quella religiosa. Un momento di festa al quale sono invitati tutti i vercellesi.

m.m.

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here