Dagli Anacoleti il Cantico dei Cantici di Roberto Latini

Roberto Latini e la sua compagnia Fortebraccio Teatro tornano a far visita agli Anacoleti. Dopo “I giganti della montagna” venerdì 27 alle 21 nella sede di corso De Gregori 28 toccherà a “Cantico dei Cantici”, unica data piemontese per lo spettacolo che si è aggiudicato due prestigiosi premi Ubu (migliore attore e miglior progetto sonoro).

Il “Cantico dei Cantici” è uno dei testi più antichi di tutte le letterature. Attribuito secondo alcune fonti addirittura a Re Salomone, ma probabilmente scritto da autore per noi anonimo nel IV secolo a. C. Eppure, nonostante la datazione, per la sua estrema particolarità, è stato uno degli ultimi testi accolti nel canone della Bibbia, solamente un secolo dopo la nascita di Cristo.

È il canto di un ricordo, un amore irripetibile e lacerato, da pace mentale a guerra dei sensi, talmente bello da voler essere dimenticato. Un inno della dolcezza carnale che si trasforma in narrazione dell’impazienza di cedere all’altro, per poi ammalarsi della sua assenza.

«Non ho tradotto alla lettera le parole, sebbene abbia cercato di rimanervi il più fedele possibile – scrive Roberto Latini nelle note di regia – Ho tradotto alla lettera la sensazione, il sentimento, che mi ha da sempre procurato leggere queste pagine. Ho cercato di assecondarne il tempo, tempo del respiro, della voce e le sue temperature. Ho cercato di non trattenere le parole, per poterle dire, di andarle poi a cercare in giro per il corpo, di averle lì nei pressi, addosso, intorno; ho provato a camminarci accanto, a prendergli la mano, ho chiuso gli occhi e, senza peso, a dormirci insieme».

La musica e i suoni di “Cantico dei Cantici” sono di Gianluca Misiti, le luci e la tecnica di Max Mugnai, l’organizzazione di Nicole Arbelli. Testo, regia e interpretazione di Roberto Latini.

Biglietto intero 12 €, ridotto (under 20, studenti universitari e over 65) 10 €. Per info e prenotazioni 335.5750907, 388.9983264, spettacoli@anacoleti.org e http://www.anacoleti.org/prenotazione-spettacoli/

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here