Il Consiglio comunale boccia unanime le frasi razziste in Brendolan

I lavoratori oggi davanti al Municipio

Vercelli – C’era anche una folta delegazione di lavoratori della “Manhandwork /Maxidi-Brendolan” e di sindacalisti oggi davanti al Minicipio perché era in corso la discussione di un ordine del giorno, presentato dal gruppo consiliare di opposizione voltiamo pagina (Paolo Campominosi, Roberto Scheda e Andrea Conte) su presenti e intollerabili episodi al limite del razzismo che (secondo quando riportato dai sindacati) sarebbero accaduti nell’ottobre scorso, dopo che la ditta torinese Manhandwork era subentrata nella gestione del magazzino in Brendolan.

Secondo Luca Trinchitella (della Cisl), a otto tre era in scadenza il contratto di una ventina di operai senegalesi e uno dei responsabili della ditta torinese avrebbe pronunciato la frase: “Diamo una bella imbiancata al magazzino”. Frase che ha sollevato l’ira dei lavoratori e dei sindacati, e che l’azienda ha sempre smentito. “Nonostante le smentite e le dichiarazioni che non c’era alcuna preclusione razziale nei confronti dei dipendenti – ha poi aggiunto Trinchitella -resta il fatto che, mandati a casa i lavoratori senegalesi, non ne sono entrati altri, se non italiani in azienda”.

Di qui la decisione del sindacati di rivolgersi al Consiglio comunale e di affidare a “Voltiamo Pagina” la proposta di ordine del giorno. In sostanza, il documento, che ha avvenuto anche una serie di emendamenti, è stato approvato all’unanimità dal Consiglio. Significativo e importante questo passaggio: “L’amministrazione comunale stigmatizza espressamente an che solo contegni gravati dal dubbio della discriminazione razziale e dell’odio etnico, in spregio a norme etiche e giuridiche, queste di rango Costituzionale, e ai diritti sanciti dallo Startuto dei lavoratori”.

Nello stesso documento si sollecita pure l’intervento del Ministero del lavoro e delle politiche sociali, cui verrà trasmesso l’ordine del giorno, nei confronti dell’azienda.

Importante per l’approvazione unanime, l’emendamento introdotto sempre da “Voltiamo Pagina” che subordina tutta la vicenda a “circa gli eventi così come riportati dal sindacato”, visto che l’azienda li ha sempre smentiti.

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

1 commento

  1. Dietro i “muscoli” dell’unanimita’ si nasconde la debolezza del virgolettato (generico e cauto).. che dovrebbe leggere il Ministero… Ultimamente Vercelli come Biella ha scoperto l’unanimismo.

Rispondi a vraie55 Cancella la risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here