Un altro “tornado” stavolta su Vercelli: crolla sulla strada il tetto del PalaBertinetti

quello che resta del tetto del PalaBertinetti

 

E’ durato dieci minuti e ha solo sfiorato la città, ma ha provocato danni enormi. E’ il “tornado” (per ora lo definiamo così, non sapendo come chiamarlo), probabilmente di nuovo prodotto da una super cella, che ha colpito Vercelli poco prima delle 16,30, provocando tra l’altro una vera devastazione sul “PalaBertinetti”, la palestra dell’omonima scuola elementare, scoperchiandolo. Per fortuna, anche se il danno appare impressionante, all’interno la struttura è stata tutto sommato, e per fortuna, risparmiata.

In questa immagine di Alberto Frigato si vede addirittura un pannello che sta ancora volando, spinto dal vento

 

Il tetto è piombato su via degli Zuavi, schiacciando anche una vettura:  per fortuna il passeggero è riuscito miracolosamente ad uscire, incolume. Sul posto sono arrivati immediatamente i Vigili del fuoco, i Vigili urbani, l’assessore allo Sport Mimmo Sabatino e il sindaco Andrea Corsaro. Quindi altri assessori: Massino Simion e Maurizio Tascini.

Il danno è enorme. Per il momento si sta mettendo in sicurezza l’area: poi si valuterà l’entità del danno.

Il sindaco Corsaro con gli assessori Simion, Sabatino e Tascini sul luogo del crollo (foto Greppi)

Al PalaBertinetti, intitolato alla più grande gloria sportiva vercellese di tutti i tempi e frequentato ovviamente dalle scolaresche, giocano le ragazze del volley, ma anche il basket e una volta all’anno di disputano le gare pre-Civico del Trofeo Bertinetti.

I vigili del fuoco al lavoro (foto Greppi)

Si lamentano danni in altre parti della città, e dintorni, dove in alcune zone è anche grandinato. Covid a parte, è davvero un’estate terribile per il Vercellese.

 

Aggiornamenti nelle prossime ore.

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

6 Commenti

  1. Sarebbe bello se gli “scienziati” dessero una spiegazione “scientifica” di questi continui fenomeni. Come nascono? Invece si rimuove il quesito con il solito sistema: dandogli un nome. Ovviamente dev’essere una denominazione “scientifica e suggestiva”.. super cella vabenissimo! Ma anche un altro é “OK”.

  2. A me fa strano che solo quel tetto sia volato via,mentre intorno nulla…(Almeno da quello che si vede dalle foto)si vede che era fatto a regola d’arte..

Rispondi a TERESA RAINA Cancella la risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here