Ultimi giorni per gli studenti che vogliono iscriversi al Premio Storie di Alternanza

Ultimi giorni per partecipare al Premio Storie di Alternanza, l’iniziativa promossa dal sistema camerale con l’obiettivo di valorizzare i percorsi formativi degli studenti a cui aderisce anche la Camera di Commercio Monte Rosa Laghi Alto Piemonte.

A essere premiati saranno i video realizzati dai giovani protagonisti per raccontare le proprie esperienze di apprendistato, tirocinio, alternanza rafforzata o percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento svolte a partire dal 1° gennaio 2020. Potranno partecipare, singolarmente o in gruppo, gli studenti di Licei, Istituti tecnici, Istituti professionali, Istituti Tecnici Superiori e dei Centri di Formazione Professionale.

«Una delle sfide più attuali ed urgenti, come emerge dai dati sulle difficoltà di reperimento dei profili professionali espressi dalle nostre imprese, è quella di ridurre il gap che separa mercato del lavoro e mondo della scuola – commenta Fabio Ravanelli, presidente della Camera di Commercio Monte Rosa Laghi Alto Piemonte – È fondamentale che gli studenti comincino a fare esperienze già durante il loro percorso di studi e ciò è possibile se esistono reti di soggetti, tra cui imprese e istituzioni, impegnati nella formazione dei giovani, un ambito in cui il nostro Ente camerale è particolarmente attivo, sia con attività di orientamento che di sviluppo delle competenze».

Per i progetti presentati a livello locale, ossia nelle province di Biella, Novara, Vercelli e Verbano Cusio Ossola, in palio un montepremi che ammonta complessivamente a 10.500 €, con importi differenziati a seconda delle quattro categorie e della classificazione in graduatoria stabilita da un’apposita Commissione (1.250 € al primo classificato, 1.000 € al secondo, 750 al €, 550 € al quarto e 450 € al quinto). I video-racconti selezionati a livello locale (fino a un massimo di tre per ciascuna categoria) verranno inoltre segnalati ad Unioncamere e potranno così partecipare al concorso nazionale, i cui premi finali ammontano complessivamente a 20.000 €.

Due le scuole del territorio che si sono distinte a livello nazionale nelle precedenti edizioni del concorso, giungendo sul podio per la categoria istituti tecnici italiani: nel 2021 l’I.T.I. “Giuseppe Omar” di Novara si è aggiudicato il secondo premio, dopo aver conquistato il primo e una menzione speciale nel 2020, mentre l’I.T.I. “Giulio Cesare Faccio” di Vercelli ha raggiunto il terzo posto nella sessione di maggio 2019 e il secondo a novembre 2017.

Per partecipare al Premio Storie di Alternanza è necessario registrarsi qui e inviare la propria candidatura entro venerdì 14 ottobre 2022: regolamento e modalità di adesione sono disponibili su questo sito. Ulteriori informazioni possono essere richieste alla Camera di Commercio: promozione@pno.camcom.it

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

5 Commenti

  1. ” .. esperienze di apprendistato, tirocinio, alternanza rafforzata o percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento ..”
    Siamo quasi di nuovo, il termine ricorda qualcosa agli anziani”, al “tirocinio” (ovviamente, tutto gratis .. soprattutto si lavora gratis?? .. no, no .. per ora non proprio .. la meta è la tessera che potremmo denominare come quella del “RdC Rafforzato” (con Speed, Microchip .. ecc. ecc.)
    ..
    E’ una macchina da gol? .. si capisce che per la Camera di Commercio il Lavoro viene prima di qualsiasi altra cosa e la scuola serve per addestrare le future truppe cammellate ad attraversarne il deserto. Ad inserirsi nel mondo del lavoro? .. magari!! .. forse sarà soltanto il deserto del lavoro, che non ci sarà più per nessuno (o quasi). In tempi remoti c’era la scuola di avviamento al lavoro per i poveri, i nati-poveri .. poi, negli anni ’60/’70 si pensava che la Nobiltà e anche il Fascismo dovevano finire;
    che sciocchezza! .. si credeva che fossimo “tutti uguali” e quindi per tutti la scuola era un momento di crescita mentale e culturale .. di progresso generalizzato .. allegria!! .. tutto quasi gratis .. anche il voto (diploma per tutti e, subito dopo, il 18-politico)..
    i Licei per l’Aristocrazia e le scuole tecniche per gli altri erano solo un ricordo .. ora, grazie anche e soprattutto alle bollette, stiamo ritornando alle origini, al bel tempo perduto .. per fortuna la Scuola Italiana (majuscolo) in questo è molto avanti! Siamo pronti! Basta leggere quali “specializzazioni” preveda il Classico!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here