Zerbin, Comi e Della Morte: splendido tris della Pro Vercelli che rivede la vittoria

Fonte pagina FB Pro Vercelli (foto Ivan Benedetto)

La Pro Vercelli torna finalmente alla vittoria e lo fa con grande merito nello scontro diretto con la Carrarese di Baldini, priva di parecchi uomini e superata 3-1. Succede tutto nel primo tempo. La Pro va in vantaggio con Zerbin, si fa raggiungere subito da Pavone, va sul 2-1 con Comi (penalty guadagnato dall’irresistibile Zerbin) e chiude con il tris di Della Morte. Nella ripresa ordinaria amministrazione fino al triplice fischio. Ora la Pro sale a 32 punti al terzo posto con l’Alessandria.

Nel 3-4-3 di Modesto la novità riguarda l’impiego di Della Morte e di Gatto dal primo minuto. Torna Zerbin, mentre Rolando è in panchina. Saro tra i pali; Hristov, Masi e Auriletto il trio di difesa; sulla mediana Gatto, Nielsen, Emmanuello e Iezzi; in avanti Della Morte, Comi e Zerbin. Nella Carrarese sorprende l’assenza di Caccavallo e di bomber Infantino. Ci sono i nuovi acquisti Marilungo e l’ex Milesi.

Come spesso succede, i primi minuti servono alle due squadre per prendere le misure. Leggermente più propositiva la Pro sulla destra con Gatto. Al 13′ corner dalla destra di Zerbin, testa di Auriletto che mette paura ai toscani. È il preludio al gol: non passa nemmeno un minuto che la sfera arriva a Zerbin nella zona destra dell’area, l’attaccante non ci pensa due volte e calcia verso il palo più lontano. Mazzini può solo osservare il pallonetto depositarsi in rete.

Il vantaggio non dura tanto perché al primo affondo la Carrarese pareggia: è il 15′, Marilungo vede in mezzo Pavone che calcia di sinistro e fa 1-1. Al 26′ calcio di rigore per la Pro: spunto di Zerbin che viene atterrato proprio da Pavone. Si incarica del tiro Comi che mette il pallone nell’angolino basso a sinistra. Mazzini intuisce ma non può fare nulla. Zerbin è scatenato e alla mezz’ora per poco non realizza il terzo gol per i suoi, provvidenziale la schiena di un difensore.

Al 37′ splendida giocata di Della Morte che entra in area, finta, dribbla Imperiale e scarica un potente destro che lascia impietrito Mazzini: è il 3-1. Al 43′ Zerbin ruba palla, si incunea ma questa volta Mazzini è attento. Dopo un minuto di recupero l’arbitro manda tutti negli spogliatoi.

In avvio di ripresa la Pro controlla, senza però disdegnare qualche sortita in avanti. Al 60′ traversone di Gatto per Comi che in scivolata tira a botta sicura, miracolo del portiere. Al 73′ doppio cambio per la Pro: fuori Zerbin e Gatto, dentro Rolando e Clemente che rivede finalmente il campo dopo l’infortunio.

Rolando si presenta subito con una bella conclusione respinta da Mazzini che si ripete all’80’ su Comi. All’85’ Comi lascia il posto a Padovan. Tre minuti più tardi Romairone per Della Morte. L’arbitro concede quattro minuti di recupero, ma non succede più nulla. Finisce 3-1. Prossimo impegno sabato 23 gennaio a Novara per la prima giornata del girone di ritorno andrà in scena il derby delle risaie (inizio ore 15, andata 1-0 per i vercellesi).

Il top. L’attacco della Pro Vercelli. Devastante nel primo tempo quando vanno a rete tutti e tre i giocatori che lo compongono. Zerbin è imprendibile: prima segna e poi si procura il rigore; Comi è implacabile dal dischetto; Della Morte è un pericolo costante. Bene anche Rolando quando è il suo turno.

Il flop. Difficile trovarlo perché la Carrarese (peraltro falcidiata dagli infortuni), impensierisce soltanto fino a un certo punto. Merito soprattutto dei difensori, sempre molto attenti in particolare sull’esperto Marilungo. Per questo motivo dietro la lavagna non mettiamo nessuno.

Massimiliano Muraro

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

3 Commenti

  1. Finalmente un po’ di fortuna! Non durante la partita (abbiamo tenuto in mano il pallino per 90′) ma prima dell’inizio… la loro formazione era decimata! … di bravo c’era solo il neoacquisto Marilugo (verra’ buono per il girone di ritorno). Ho guardato il video in diretta dal “Collettivo Illuminati Apuani” (esiste davvero) sembravano tutti senza parole, occhi sbarrati, uno sbadigliava continuamente.. poveretti….. Ma non commuoviamoci troppo e.. Attendiamo una conferma alla prossima col Novara che non e’ riuscito a fermare il lanciatissimo Como (maledetti!) . Facciamogliela pagare!

  2. Siamo noi “La squadra che tremare il mondo fa” ! .. quando in nostri avversari odono pronunciare all’altoparlante i nomi del nostro trio d’attacco hanno paura, capiscono come andrà a finire per loro, terminerà al 90′ con … : Della Morte, dopo lunga e penosa (per loro) partita ed esser estati (loro) tutti in Comi (plurale di coma) .. e Zerbin? Il cognome deriva (forse) da Gerba, colui che proviene-da/abitante-di Gerba. Isola dove passò Ulisse (scusate!?) .. e vi si trovavano i lotofagi (gli offrirono, secondo tradizione) il loto… e lui ci fece una dormita ecc.ecc.), la squadra che viene al Robbiano non troverà quindi mai l’altra isola dei viaggi dell’Eroe grego, l’isola di Tepasa (e ai nostri non gli passerà la paura .. mo’tepassa..) bensì Gerba/Zerbìn! .. anche i Romani la conquistarono .. e comunque non è l’altra.
    Solo il Como può sperare di tenerci testa, ma Como-singolare.
    https://www.mondosportivo.it/2014/09/19/cera-in-europa-bologna-tremare-mondo-fa/#:~:text=Gi%C3%A0%20nel%201932%20e%20nel,che%20tremare%20il%20mondo%20fa%E2%80%9D.

Rispondi a vraie55 Cancella la risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here