I Pendolari: “Carrozze bollenti a 42 gradi, c’è il rischio di malori”

Riceviamo e pubblichiamo la lettera aperta del Coordinamento Pendolari Vercelli – Novara – Milano

Gent.mo Assessore Balocco buongiorno,

È di questi giorni la presentazione dei nuovi treni Pop che, verosimilmente, non saranno disponibili prima del 2020. Sia noi del Coordinamento che il Comitato della Novara-Biella apprezziamo gli sforzi che la Regione sta facendo per migliorare la nostra quotidianità ma, da qui all’entrata in servizio dei nuovi treni, dovremo fare i conti con il materiale che attualmente viene offerto da Trenitalia. E, ancora una volta, siamo costretti a denunciare le inaccettabili condizioni di viaggio alle quali siamo costretti.

A Milano Porta Garibaldi, alla sera, il treno arriva spesso al binario in ritardo rispetto all’orario previsto di partenza e senza alcun preavviso: una volta saliti a bordo ci ritroviamo nell’impossibilità di usufruire del treno in tutta la sua interezza in quanto la maggior parte delle carrozze sono inagibili per la mancanza di aria fresca.
Vogliamo evidenziare che il nostro non è un capriccio, ma è il voler portare alla Sua attenzione una situazione potenzialmente pericolosa: utilizzando un termometro laser, abbiamo rilevato temperature prossime ai 42 gradi ed in queste condizioni si potrebbe essere vittime di malori. Sconcertante poi la latitanza del personale di bordo ricercato per cercare di risolvere in qualche modo il problema.

Non è assolutamente accettabile pagare per un simile servizio, sempre possa essere considerato tale a queste condizioni.

Segnaliamo inoltre che i disagi dati dai ritardi e dalla composizione dei treni non sono assolutamente diminuiti nonostante le ripetute promesse di Trenitalia/RFI.

Rimaniamo a disposizione per ulteriori info a proposito.

Cogliamo l’occasione per porgerLe i nostri

Cordiali saluti.

Coordinamento Pendolari Vercelli – Novara – Milano

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here