Consorzio Baraggia: chiarezza sul rinnovo delle cariche istituzionali

Riceviamo e pubblichiamo.

 

Associazione Contadini Biellesi, Coldiretti Vercelli-Biella e Confagricoltura Biella e Vercelli, viste le notizie discordanti circolate sul territorio di Baraggia, specialmente in periodo pre-elettorale, per chiarezza di informazione, comunicano che il Consorzio di Bonifica della Baraggia Biellese e Vercellese ha ricevuto la relazione del dottor Luigi Melloni, nominato Commissario ad Acta in data 31 dicembre 2021 con delibera della Giunta regionale, con l’obiettivo di esaminare il rendiconto consuntivo 2020, controllare la procedura relativa al rinnovo degli organi istituzionali consortili e ratificare la data delle elezioni.

Con il provvedimento di ratifica n. 642 assunto dal Commissario in data 1 febbraio 2022, la data delle elezioni resta confermata il 19 febbraio 2022.

A finire Commissariato, quindi, è stato non il Consorzio ma il Consiglio dei Delegati che – pur convocato dalla Deputazione Amministrativa – non si era presentato per ben due volte in sufficiente numero legale, per fissare la data delle elezioni per il rinnovo delle cariche per naturale scadenza di quelle in carica.

Toccherà al nuovo Consiglio dei Delegati che verrà eletto il 19 febbraio 2022 nominare il nuovo presidente, successore all’attuale, Dino Assietti, e alla Deputazione Amministrativa.

La relazione del Commissario ha poi confermato che il rendiconto consuntivo dell’esercizio 2020 – che il Consiglio dei Delegati non aveva approvato non presentandosi, anche in questo caso, in sufficiente numero legale – non pare avere criticità. L’unico invito ai nuovi amministratori è quello di valutare nuovamente il valore delle partecipazioni con una nuova perizia, così come l’attuale amministrazione del Consorzio aveva già fatto – a distanza di molti anni da quella precedente – all’inizio del proprio mandato nel 2017 affidando a suo tempo l’analisi al noto e stimato commercialista Luigi Tarricone.

Il presidente in carica Assietti si dice soddisfatto del risultato: «Mi spiace che sia stato necessario addirittura un Commissario regionale per confermare che le procedure amministrative ed il bilancio del Consorzio, già entrambi vigilati da un Collegio dei Revisori composto da stimati professionisti, tra l’altro uno di nomina regionale, sono state corrette ed i dati riportati sono veritieri. Non ne avevo personalmente alcun dubbio perché in questi 5 anni, pur essendomi avvicinato a mia volta al ruolo di presidente con qualche perplessità, ho imparato ad apprezzare il lavoro che viene svolto dagli uffici dell’ente. D’altronde le attività elencate nella Relazione tecnico economica e finanziaria dello stesso periodo approvata dalla Deputazione Amministrativa dimostrano che il Consorzio non ha mai interrotto l’attività di presidio, segnalazione e realizzazione di tutte le infrastrutture idrauliche che a vario titolo consentono l’utilizzo delle acque per l’irrigazione oltre che la messa in sicurezza del territorio, reperendo finanziamenti per milioni di euro ed essendo in graduatoria per altri progetti per decine di milioni di euro e per i quali speriamo che l’ente riceva i relativi finanziamenti».

«Della stessa Relazione del quinquennio possiamo riassumere velocemente alcuni numeri della gestione finanziaria del quinquennio – prosegue Assietti – con utili di esercizio variabili di anno in anno tra i 204.312 euro e 549.294 euro, che hanno permesso di ridurre l’esposizione finanziaria (cioè i debiti) da 7.377.692 euro a 4.466.057 euro e portandoli sotto al patrimonio netto che nei 5 anni è passato da 3.960.877 euro a 5.732.245 euro del 30 settembre 2021, il tutto senza aumentare i contributi a carico degli agricoltori e dei proprietari dei terreni, anzi riducendoli, seppur in piccola percentuale nel 2021».

Associazione Contadini Biellesi, Coldiretti Biella e Vercelli e Confagricoltura Biella e Vercelli sottolineano l’importanza delle opere realizzate finora, ma soprattutto auspicano che la nuova Deputazione, che verrà nominata nelle prossime settimane, ponga la giusta attenzione sulle opere già in corso di realizzazione. Come già ricordato, l’agricoltura in questo periodo di incertezza non si è mai fermata, ma è stata chiamata ad affrontare con sempre più frequenza i fenomeni siccitosi. La nuova stagione agricola è alle porte ed è nostra responsabilità garantire il corretto approvvigionamento idrico al comprensorio: ricordiamo che in Baraggia, oltre alle coltivazioni di mais e prative, si contano circa 22.000 ettari di risaie.

Nella porzione di territorio denominata “Centro Sesia”, tra il torrente Cervo e il fiume Sesia, sono previsti interventi di ristrutturazione e potenziamento della rete irrigua che non possono permettersi uno stallo, ancor più di fronte ai fenomeni siccitosi, che sempre più dimostrano l’urgenza di affrontare i cambiamenti climatici. L’efficienza del sistema irriguo passa attraverso la manutenzione e la ristrutturazione delle opere irrigue, un lavoro costante che il Consorzio di Bonifica della Baraggia Biellese e Vercellese porta avanti da più di 70 anni, con coerenza e responsabilità nei confronti di tutto il suo territorio.

 

Federazione Interprovinciale Coldiretti Vercelli-Biella 

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

2 Commenti

  1. Il termine Baraggia evoca anche la brughiera che si estende su parte di essa … un territorio dove tutto si svolge alla luce del sole, dove ognuno vede e ha tutto sott’occhio. Invece pare che a livello amministrativo le cose siano andate in altro modo, qualcosa si nascondesse dietro “piante o cespugli” dell’Organismo dirigente!??
    La missiva, dettagliatissima, piena di dati e argomentazioni,distinguo e giustificazioni facilmente comprensibile solo da alcuni (!) fra i lettori (io .. escluso), redatta per mano della (nostra) “Federazione Interprovinciale Coldiretti Vercelli-Biella” concernente la gestione commissariale del più vasto Consorzio Baraggia contiene una incoraggiante informazione: FINALMENTE il 19 c.m. si svolgerà l’elezione del nuovo Consiglio dei Delegati e tutto dovrebbe poi rientrare nei binari della normalità (se mai vi si fosse realmente usciti), mi par di capire.
    https://it.wikipedia.org/wiki/Riserva_naturale_delle_Baragge
    (1-continua)

  2. (segue) … Dobbiamo esserne soddisfatti, se solo pensiamo che la Corte Costituzionale con sentenza n.1/2014 si pronunciò per la illegittimità costituzionale della legge elettorale “vigente” e di conseguenza tutto il “lavoro” compiuto in quegli anni (sarebbe da chiarire quale e quali…esattamente) degli organi costituzionali (incostituzionalmente operanti) dovrebbe esser considerata di conseguenza illegittima e CANCELLATA per sempre .. TUTTO-TUTTO-tutto .. fino alla più illegittima fra le illegittime: la ultima (ma anche la penultima) elezione del PdR (già illegittimo) votata da un organo (evidentissimamente) illegittimamente insediato .. ecc ecc.. checché cerchi di cavillare e giustificare qualche costituzionalista alticcio…
    ——————————-
    Corte costituzionale, sentenza del 13 gennaio 2014, n. 1 – Sull’illegittimità costituzionale della legge elettorale n. 270 del 2005
    https://www.amministrazioneincammino.luiss.it/2015/05/10/corte-costituzionale-sentenza-del-13-gennaio-2014-n-1-sullillegittimita-costituzionale-della-legge-elettorale-n-270-del-2005/
    2 – f i n e

Rispondi a vraie55 Cancella la risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here