Borgosesia: ristorante cinese multato per cibo in cattivo stato di conservazione e violazione delle norme sul lavoro

Una multa da 6100 euro e una denuncia alla Procura, è il risultato di alcuni controlli in un ristorante cinese di Borgosesia, effettuati l’altra sera dai carabinieri della Compagnia di Borgosesia unitamente a personale del NAS di Torino e del NIL di Vercelli.

Nel locale sono state accertate diverse violazioni alle norme igienico sanitarie ed altresì in materia di occupazione lavorativa.

In particolare, sono stati sequestrati circa 30 kg di alimenti (prodotti ittici e carni) in cattivo stato di conservazione in violazione della legge 283 del 1962. Sono state accertate anche gravi carenze igieniche e per alcuni prodotti non era chiara la provenienza poichè non avevano la prevista tracciabilità alimentare.

I carabinieri dell’Ispettorato del Lavoro di Vercelli hanno poi accertato che uno dei dipendenti non era stato assunto regolarmente.

Alla luce di tali violazioni il titolare, un cittadino cinese, è stato contravvenzionato per un importo complessivo pari ad euro 6.100, nonché deferito alla Procura della Repubblica di Vercelli per la violazione dell’art. 5 della legge 283 del 1962 per la cattiva conservazione degli alimenti.

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

1 commento

  1. Da alcuni studi risulta che il popolo cinese (nel complesso) “disponga”, rispetto al resto del mondo, di un QI sensibilmente superiore… Eppure beccano frequenti multe, quasi sempre oltre i 6000 euro. Delle 2 l’una: o……..

Rispondi a vraie55 Cancella la risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here