A Venezia l’anteprima mondiale del nuovo Dune: il regista Villeneuve vincerà la sfida con un cult del cinema?

Dopo i tristi mesi dove la nostra popolazione è stata sotto il giogo della pandemia, lotta comunque ancora in atto, si sta finalmente respirando una sempre maggiore aria di normalità. Nel corso dell’ultimo mese, molte sale cinematografiche e teatrali sono state riaperte in tutta Italia e c’è una lenta ma costante ripresa dell’arte con l’annunciazione di eventi e spettacoli di ogni tipo. E parlando di eventi, i cinefili potranno finalmente gioire con l’ufficializzazione della data di uscita in anteprima mondiale di Dune, l’ultimo e attesissimo film del regista canadese Denis Villeneuve, previsto inizialmente previsto per novembre 2020.

Il film prodotto dalla Warner Bros e dalla Legendary Pictures sarà proiettato in terra italiana alla 78esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia il 3 settembre nella Sala Grande del Palazzo del Cinema, ricordando che il festival avrà come durata dal primo all’11 settembre 2021.

La pellicola, tratta dall’omonimo romanzo di Frank Herbert e già adattato per il cinema da David Lynch, è ambientata in un futuro distante e segue le vicende di Paul Atreides e della sua famiglia sul controllo del pianeta deserto Arrakis e delle sue risorse nel mezzo di una guerra politica tra famiglie e colpi di Stato. Tra il cast abbiamo altisonanti nomi tra cui Timothée Chalamet, Oscar Isaac, Josh Brolin, Stellan Skarsgård, Dave Bautista, Javier Bardem, Jason Momoa, Charlotte Rampling, Zendaya e molti altri.

Dopo il bellissimo ma commercialmente sfortunato Blade Runner 2049, sequel dell’iconico firmato Ridley Scott, riuscirà ora Villeneuve nell’impresa? Non resta che attendere il 3 settembre per scoprirlo!

 

Emanuele Olmo

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

2 Commenti

  1. Perché andarsi a cimentare su un campo già calcato nientemeno che da David Lynch? .. forse per dimostrare il proprio valore .. si, forse .. oppure perché i padroni del vapore vogliono mandarci di nuovo il messaggio (mooolto attuale) che allora in pochi avevano capito: “guardate che se succederà qualcosa di grosso alla salute dei 7 o 8 miliardi che siamo .. sarà un bene” .. https://www.imolaoggi.it/2021/06/17/cingolani-pianeta-e-progettato-per-3-miliardi-di-persone/

Rispondi a vraie55 Cancella la risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here