Venezia 2020: Cate Blanchett e Hideo Kojima nella giuria

 

La Biennale del cinema di Venezia, una delle mostre cinematografiche più importanti non solo nel panorama italiano ma anche mondiale, in queste giornate non fa smettere di parlar di sé e del suo attacco a muso duro contro la tabula rasa generata dalla pandemia globale. Arrivano ora i nominativi delle grandi personalità che comporranno la giuria che premieranno nelle varie categorie le migliori pellicole della kermesse, che andrà dal 2 al 12 settembre. Tra questi non mancano n’è grandi nomi, n’è inaspettate quanto piacevoli sorprese.

La Giuria di Venezia 77 si occupa di premiare i lungometraggi affidando il Leone d’Oro al miglior film, il Leone d’argento – Gran premio della giuria per la miglior regia, Coppa Volpi per la miglior interpretazione maschile e femminile, Premio Osella per la miglior sceneggiatura e il Premio Mastroianni per il miglior attore/attrice emergente. Il presidente della giuria sarà l’attrice due volte Premio Oscar Cate Blanchett insieme a Veronika Franz, Joanna Hogg, Nicola Lagioia, Christian Petzold, Cristi Puiu e Ludivine Sagnier.

La Giuria Orizzonti assegna i premi per il miglior film, migliore regia, Premio Speciale della Giuria Orizzonti, per la miglior interpretazione maschile e femminile, miglior sceneggiatura, miglior cortometraggio. I membri saranno Claire Denis (Presidente), Oskar Alegria, Francesca Comencini, Katriel Schory, Christine Vachon.

Infine, La Giuria Venice Virtual Reality (VR) assegnerà i seguenti premi: Gran Premio della Giuria per la Migliore opera VR immersiva, Migliore esperienza VR immersiva e Migliore storia VR immersiva. La giuria sarà composta da Celine Tricart (Presidente), Asif Kapadia e da Hideo Kojima, nome particolarmente caro agli amanti dei videogiochi essendo egli il creatore della saga di Metal Gear Solid e di Death Stranding, giochi dalla fortissima componente cinematografica.

 

Emanuele Olmo

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

1 commento

  1. I due protagonisti della mnifestazione indicati nel titolo sono, come chiarito bene nell’articolo, un autore di videogiochi e un’attrice, da parte propria, altrettanto perfettamente in linea (non potrebbe esser ediversamente) con “i tempi”, leggo infatti su wikipedia e dal sito ufficiale: (…) Blanchett è impegnata in iniziative culturali, sociali e ambientaliste, è ambasciatrice di buona volontà dell’organizzazione non governativa di sviluppo SolarAid e ha più volte collaborato con l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) di cui diventa ufficialmente ambasciatrice di buona volontà nel maggio 2016, al ritorno da una missione nel campo profughi in Giordania” .. leggo poi che ha fatto molti figli (questo non sarebbe un particolare “pregio” .. ma si è poi “rifatta” adottandone uno) … ma soprattutto, come accennato, dal sito di Solar Aid, si apprende:
    SolarAid is an international charity that combats poverty and climate change.
    Meglio di così Venezia non potrebbe stare (e forse in povertà e cambio climatico è compresa pure l’acqua alta .. per tale problema i vip hanno sempre dimostrato grande sensibilità)!

Rispondi a vraie55 Cancella la risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here