Pro Vercelli sconfitta nel derby con l’Alessandria

Immagine tratta da Eleven Sports

Una Pro Vercelli irriconoscibile e sprecona esce dal “Moccagatta” con una brutta sconfitta 2-1 nel derby piemontese con l’Alessandria che così rilancia le sue ambizioni in classifica e riporta invece coi piedi per terra la squadra di Modesto.

Che non fosse giornata si è capito subito quando il mister è stato costretto a rinunciare a Zerbin e dopo mezz’ora con l’uscita anzitempo di Emmanuello. In pratica il giocatore che garantisce profondità e velocità e quello che ci mette il fosforo. Match duro con i grigi che cercano subito di alzare il ritmo, mettendo in difficoltà gli avversari.

Il gol dei padroni di casa arriva al 26′ con l’ex Eusepi. Nel secondo tempo la Pro potrebbe pareggiare, ma Rolando, decisamente in giornata no, tira alto il calcio di rigore. Non passa un minuto e l’Alessandria raddoppia con Arrighini. La Pro la riapre con il penalty di Padovan, ma poi non combina molto.

Nella Pro Vercelli problema all’ultimo per Zerbin, inserito in distinta come titolare. Al suo posto Modesto sceglie Romairone. Modulo 3-4-3 con Saro tra i pali; difesa a tre Hristov, Masi, De Marino; a centrocampo Clemente, Emmanuello, Erradi, Iezzi; in avanti Rolando, Comi, Romairone. Nell’Alessandria ci sono entrambi gli ex Cosenza, Castellano ed Eusepi. Prima del fischio di inizio minuto di silenzio per ricordare Diego Armando Maradona.

Prima occasione per la Pro: calcio di punizione sulla trequarti destra, Romairone tocca per Rolando che mette la sfera in mezzo che arriva a Masi il quale in tuffo di testa la mette fuori da pochi passi. Le due squadre giocano a tutto campo, ma entrambe le difese reggono bene. Al 25′ diagonale di Arrighini, Saro non ineccepibile si salva in angolo. Al 26′ su un altro corner svetta Eusepi che anticipa tutti e fa 1-0.

Al 30′ la Pro tenta la via del pareggio con Romairone, il cui tiro a chiudere è però fuori misura. Al 36′ problemi per Emmanuello, sostituito da Graziano. Dopo due minuti di recupero, l’arbitro manda tutti negli spogliatoi sul risultato di 1-0, non prima di una punizione calciata da Masi di poso sopra alla traversa.

In avvio di ripresa non cambia il trend dell’incontro con la Pro Vercelli che fa fatica a costruire e a garantire la solita profondità. Al 59′ tre cambi per i bianchi: fuori Iezzi, Comi e Romairone, dentro Petris, Padovan e Borello. Il primo tiro è di Castellano al 6′, Saro c’è. Al 66′ rigore per la Pro: atterramento di Petris da parte di Macchioni. Sul dischetto Rolando che colpisce male e calcia alto.

La legge del calcio dice gol sbagliato, gol subito. Infatti sul ribaltamento di fronte Arrighini fa 2-0 al 68′. Al 76′ Della Morte per Rolando. All’84’ altro calcio di rigore per la Pro per fallo su Padovan. Si incarica lo stesso attaccante che accorcia le distanze. Un minuto dopo espulso Modesto per proteste. L’arbitro concede cinque minuti di recupero, ma non succede nulla. Finisce 2-1. Prossimo impegno sabato 5 dicembre ore 15 al “Piola” con il Livorno.

Il top. Difficile segnalarlo. Tutta la squadra è apparsa sottotono. Dovendo scegliere diciamo i subentrati Petris e Padovan. Il primo perché si guadagna il rigore poi fallito da Rolando, il secondo perché si procura e trasforma quello che calcia e anche dopo prova a dare fastidio alla difesa grigia.

Il flop. Il centrocampo della Pro oggi proprio non ha funzionato in tutte e due le fasi. Male in quella di costruzione, così come in quella di interdizione. Quando l’Alessandria arrivava nei pressi della trequarti non faceva fatica a guadagnare metri.

Massimiliano Muraro

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

1 commento

  1. C’e’ poco da aggiungere alla perfetta descrizione della partita. Giornata da dimenticare. Compresa l’espulsione di Modesto. Volendo si può ora “visionare” il prossimo avversario della Pro’: su YouTube, eleven trasmette la diretta gratuita di Livorno Pontedera.

Rispondi a vraie55 Cancella la risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here