Come migliorare e ampliare i servizi forniti dal Cup regionale: la discussione nella Commissione Sanità della Regione

L'assessore alla sanità della Regione, Icardi, e il consigliere, presidente della Commissione Sanità, Stecco

La commissione Sanità del Consiglio regionale del Piemonte ha affrontato oggi il tema del funzionamento del Cup regionale (Il Centro Uinifcato per le Prenotazioni mediche) che oggi è attivo attraverso numero verde, applicazione mobile e sito web, “avviato con notevoli criticità dalla Giunta regionale precedente, e che presto potrebbe essere fruibile attraverso le tabaccherie” si legge in una una nota.

“Il Cup per i piemontesi mira ad essere il contenitore di tutte le prestazioni che la Sanità pubblica regionale offre – spiega dopo la seduta di Commissione il presidente Alessandro Stecco, Lega, medico e professore universitario -, stiamo lavorando con le società informatiche per gestire i primi accessi e la prosecuzione dei percorsi medici. Stiamo portando anche le aziende private nel nostro Cup, rafforzando gli accessi plurimi nel pieno controllo degli standard di sicurezza. Vogliamo così ampliare la disponibilità delle agende alle quali i cittadini possono accedere. Oggi in media il 78% delle richieste di prima visita trova una prenotabilità nelle agende pubbliche del sistema, dato che sale a circa il 90% per l’Asl Vercelli”.

“Vogliamo continuare a fare il punto sul tema del funzionamento e dell’accessibilità del sistema regionale di prenotazioni sanitarie – ha proseguito Stecco – con lo scopo di informare i cittadini e offrire occasioni di approfondimento in commissione Sanità, per rafforzare le sinergie tra me, l’Ufficio di Presidenza e i consiglieri regionali che la compongono. Io, come sanitario e come consigliere regionale e come tutti i miei colleghi eletti sui territori, riceviamo segnalazioni di difficoltà nell’accesso a un sistema telematico che, per come era stato previsto in sede di aggiudicazione di gara, è risultato ampiamente immaturo e insufficiente ai bisogni dell’utenza sanitaria”.

“La Giunta sta facendo un grosso lavoro di coordinamento con le aziende sanitarie – ha concluso il presidente della commissione Sanità Stecco – affinché le agende delle prestazioni siano allineate. Sicuramente questo percorso verrà potenziato dalla possibilità da parte degli ambulatori di inserire in agenda Cup i successivi controlli, le seconde visite e rendendo possibile la presa in carico da parte dell’Asl della prestazione al momento non erogabile per individuare la sede per poterla espletare. Sarebbe una buona idea, in questa fase di transizione e focalizzandoci sempre sulla centralità di cittadini e utenti, provvedere al potenziamento tra front office e i direttori delle strutture complesse delle specialità dove si osservassero le maggiori criticità, per risolvere in loco e in tempo reale eventuali problematiche di accesso e prenotabilità. In alcune strutture è già prassi, ma potrebbe essere messo a sistema per aggiungere valore a un sistema che abbiamo ereditato a livelli embrionali e che quotidianamente cerchiamo di potenziare”.

Per quel che riguarda il funzionamento dei Cup in Piemonte l’assessore ha fornito una statistica che riflette una regione a due velocità. “La situazione – ha spiegato Icardi – non è omogenea sull’intero territorio e ci sono ancora alcune criticità da risolvere: se, infatti, alle Asl Alessandria e Vco e all’Aso Novara si è raggiunto rispettivamente il 95,09%, 92,57% e 92% di prenotazioni attraverso il Cup, le prenotazioni all’Asl Città di Torino e alle Aso Città della Salute e San Luigi sono per ora al 56,48%, al 38,93% e al 58,98% e quindi bisogna lavorare soprattutto a Torino per migliorare”. Ha poi aggiunto che “delle 176.722 ricette di primo accesso alle strutture sanitarie piemontesi per visite ed esami, ben 138.275, a giugno, sono state prenotate attraverso il Cup regionale, pari al 78,24% del totale”.

Spiega la Regione: “Per quanto riguarda la prenotazione di prime visite e prestazioni di primo accesso nelle agende pubbliche – prenotabili tramite Contact center regionale, App, totem, sportelli Cup aziendali e farmacie – si è concluso l’adeguamento del sistema informatico e sono in corso interventi organizzativi per consentire ad Asl e Aso di gestire direttamente anche le prenotazioni relative a ricette non di primo accesso, che potrebbe prendere il via entro settembre”.

“È stata inoltre prevista – ha dichiarato l’assessore – l’adesione al Cup di tutte le strutture private convenzionate, per la quale è stata potenziata la struttura hardware del sistema ed è in corso la formazione degli operatori”.

“Per quanto riguarda le prenotazioni – ha concluso l’assessore – si sta studiando come coinvolgere anche le tabaccherie, dopo le farmacie, per le prenotazioni, fermo restando che l’ostacolo da superare rimane la normativa nazionale”.

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

1 commento

  1. “Il Cup per i piemontesi mira ad essere il contenitore di tutte le prestazioni che la Sanità pubblica regionale offre – spiega dopo la seduta di Commissione il presidente Alessandro Stecco, Lega, medico e professore universitario -, stiamo lavorando con le società informatiche per gestire i primi accessi e la prosecuzione dei percorsi medici. Stiamo portando anche le aziende private nel nostro Cup, rafforzando gli accessi plurimi nel pieno controllo degli standard di sicurezza. Vogliamo così ampliare la disponibilità delle agende alle quali i cittadini possono accedere. Oggi in media il 78% delle richieste di prima visita trova una prenotabilità nelle agende pubbliche del sistema, dato che sale a circa il 90% per l’Asl Vercelli”.
    ..
    quello che tranquillizza di più sui risultati piuttosto mirabolanti già raggiunti e soprattutto sul Futuro Radioso che attende la Sanità Pubblica (“pubblica”) del Piemonte sabaudo .. quello che tranquillizza di più è saper che lavora per noi Alessandro Stecco, Lega, medico e professore universitario.
    ..
    mi sento incoraggiato dai, narrati, bei presagi .. in sintesi propongo una collaudata canzoncina che meglio di qualunque altra “spiga” IN SINTESI il prossimo nostro domani, di cui v’è certezza:
    ..
    TUTTO BENE…MADAMA LA MARCHESA
    https://www.youtube.com/watch?v=2A7VFKIOeUQ

Rispondi a vraie55 Cancella la risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here