Mascherine – Catricalà sarcastico: “E ora Corsaro risponderà a Cirio come ha risposto a noi?”.

Sula sua pagina Facebook, il capogruppo del M5S Michelangelo Catricalà è sarcastico verso il sindaco Corsaro che, con la sua maggioranza, aveva respinto  l’ordine del giorno proposto dalla minoranza per un’ordinanza che obbligasse gli  studenti ed i genitori ad indossare la mascherina davanti agli istituti scolastici (soprattutto davanti alle superiori), con sanzioni per chi non rispetti le regole.

Corsaro aveva replicato con il progetto “Vercelli Si-Cura, replicando che un’ordinanza così draconiana non era necessaria, che non bisognava criminalizzare giovani, e che l’ordinanza sarebbe stata “poco consona”. Ma ecco che, poche ore dopo, era stata la stessa Regione ad emetterla. “Anche a Cirio Corsaro ha detto che l’ordinanza è ‘poco consona’?”, si chiede, ironico, il capogruppo del M5S nel suo post su Facebook? Lo riportiamo integralmente.

”Nell’ultimo Consiglio Comunale – 28 settembre 2020 – si è discusso e votato l’odg da me presentato e sottoscritto da alcuni Consiglieri di minoranza ad oggetto: ORDINANZA CONTINGIBILE ED URGENTE DI CONTENIMENTO DELLA DIFFUSIONE DEL CORONAVIRUS” – COVID -19

Purtroppo, alla data odierna – 5 ottobre 2020 – al di fuori dei plessi scolastici molti studenti dimostrano di non essere ancora in grado di rispettare le banali regole anti-covid.

Udite udite: la maggioranza di centro-destra ha bocciato l’odg, lo ha ritenuto superato, controbattendo all’ordine del giorno con il progetto “Vercelli si-cura”, che prevede l’utilizzo, a partire da ottobre, di 22 Steward formati (e retribuiti naturalmente) per sensibilizzare i giovani al rispetto delle regole per fronteggiare il rischio di contagio. Il lavoro degli Steward consisterà nella distribuzione di materiale informativo (lo si conosce poco il Covid, effettivamente; non ne parlano tutti i mass media da mesi) e raccomanderanno ai ragazzi di seguire scrupolosamente le regole relative al distanziamento sociale.

Scusate: la scuola non è iniziata il 14 di Settembre? L’Amministraizone credeva forse che il rientro in classe sarebbe stato ad Ottobre?

Misteri di questa “infelice” giunta comunale che ci ha anche accusato di voler criminalizzare i giovani attraverso questo odg; peccato che pochissimi giorni dopo la discussione dell’Odg in Consiglio la Regione Piemonte governata dal centro destra abbia evidenziato, attraverso un’ordinanza che appare ancora più restrittiva di quella presentata dalla minoranza, la necessità di correre ai ripari evidenziando al punto 3 della parte dispositiva che “il mancato rispetto delle misure previste dal presente Decreto, ……….., è sanzionato secondo quanto previsto dall’articolo 4, comma 1, del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, convertito con legge 22 maggio 2020, n. 35”.

Il decreto emesso ad oggetto “Disposizioni attuative per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19….……… Misure da adottare in prossimità dei plessi scolastici e nell’ambito del trasporto scolastico” è attuativo a partire dal 3 Ottobre 2020.

Ora, una domanda mi sorge spontanea: il Sindaco riferirà al Presidente della Regione Piemonte che “un’ordinanza del genere non porterebbe a NULLA o quasi se non a qualcosa di poco consono per far si che tutti rispettino queste procedure”? È la risposta che ci ha dato il Sindaco in merito al nostro odg oltre a ritenere lo stesso superato
.
Da evidenziare inoltre come il sindaco inviti tutti i dirigenti scolastici ad una maggiore disponibilità e responsabilità aprendo magari i cortili scolastici prima dell’orario. Insomma, ulteriori sacrifici a chi lavora all’interno degli Istituti per ovviare a ‘mancanze’ non sicuramente dovute alle Scuole”.

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

3 Commenti

  1. Catricala’ forse dimentica che e’ il “Governo” che sta tentando, sia pur con qualche difficolta’, di introdurre, con i soliti decreti incostituzionali, assurde e inutili misure (inutili per la nostra salute)… si tratta del SUO governo (sarebbe minoritario nel Paese) che vorrebbe poi rendere ancora “piu’ impossibile” la vita di quelle zone (regioni… province o citta’.. ancora non si sa).dove ci saranno + asintomatici (sani)!! Il povero Corsaro deve barcamenarsi fra problemi veri e i piu’ subdoli creati grazie alla fervida e ispirata fantasia di Conte, Speranza e compagnia

Rispondi a vraie55 Cancella la risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here