La Pro sciupa due gol di vantaggio e si fa rimontare dal Renate, finisce 2-2

Fonte FC Pro Vercelli 1892

La Pro Vercelli getta alle ortiche l’occasione di tornare alla vittoria, dilapidando un vantaggio di due gol. Il posticipo serale contro il Renate finisce così 2-2. Lo stesso mister Scienza al termine della gara ha parlato di occasione persa.

I bianchi partono bene e in poco meno di un quarto d’ora si trovano sul 2-0 grazie a Bunino e a Comi. Da quel momento la Pro amministra il vantaggio, fino al 70′ quando Galuppini riapre i giochi e li chiude all’84’ con una doppietta che regala il pareggio ai suoi. Con un pizzico di attenzione in più da parte dei vercellesi ora staremmo a parlare di tre punti conquistati.

Ci sono alcune novità nel 3-5-2 proposto da Scienza. Della Morte parte dal primo minuto, ma non in attacco, bensì esterno destro; a centrocampo ci sono Belardinelli e Crialese, mentre il partner d’attacco di Comi è Bunino e non Rolando. Questo l’undici titolare: Tintori; Cristini, Masi, Auriletto; Della Morte, Belardinelli, Emmanuello, Vitale, Crialese; Bunino, Comi. Cevoli si affida a Rossetti e Chakir, ispirato da Galuppini.

Al 3′ Pro subito in vantaggio con un destro al fulmicotone di Bunino da fuori area. Al 13′ c’è il raddoppio con Comi che di testa e sfruttando un corner di Emmanuello, anticipa tutti, anche il compagno di squadra Auriletto. Al 16′ uscita scellerata di Tintori sulla trequarti, Baldassin lo anticipa, ma per fortuna dei bianchi la palla rimbalza davanti alla porta ed esce di poco.

Il ritmo gara si abbassa, con la Pro che aspetta gli avversari, pronta a ripartire. Si segnalano solo le due ammonizioni a Crialese e a Comi. I minuti scorrono via, ma a parte un sussulto del Renate non succede niente. Così si va a riposo sul risultato di 2-0 per la Pro Vercelli.

In avvio di ripresa Della Morte va vicino al 3-0 dopo che Drago, uscito di pugni, respinge la palla proprio sui suoi piedi. Sull’azione successiva grande parata di Tintori su colpo di testa del nuovo entrato Morachioli. Al 55′ Comi si gira all’improvviso e lascia partire una rasoiata fuori di un soffio. Il match si incattivisce, infatti in pochi minuti vengono ammoniti tre giocatori ed espulso un membro della panchina del Renate.

Al 69′ il Renate accorcia le distanze con un sinistro chirurgico di Galuppini, gol viziato da un errato disimpegno di Vitale. I nerazzurri ora ci credono e assediano la difesa bianca. Al 78′ primo cambio per la Pro: fuori un ottimo Bunino, dentro Silenzi. All’84’ pareggio del Renate su calcio di punizione di Galuppini. Tintori ingannato da una deviazione.

Scienza opera un triplice cambio: fuori Vitale, Crialese e Della Morte, dentro Erradi, Gatto e Iezzi. All’87’ ci prova Belardinelli dai venti metri, questa volta Drago non si fa trovare impreparato. Al 90′ gol annullato alla Pro per fuorigioco di Belardinelli. L’arbitro concede cinque minuti di recupero, non succede nulla se non l’entrata di Rolando per Comi e l’espulsione diretta di Auriletto per fallo su Galuppini. Finisce 2-2. Prossimo impegno giovedì 21 ottobre ore 17.30 al “Piola” contro la Giana Erminio.

Tabellino

Renate (4-3-1-2): Drago; Anghileri, Silva, Possenti, Ermacora; Ranieri (dal 46′ Morachioli), Celeghin (dal 66′ Marano), Baldassin (dal 66′ Esposito G.); Galuppini; Rossetti (dal 66′ Maistrello), Chakir (dal 90′ Sala). A disposizione: Moleri, Albertoni, Esposito A, Ferrini, Tedeschi, Sarli, Merletti. All. Cevoli.

Pro Vercelli (3-5-2): Tintori; Cristini, Masi, Auriletto; Della Morte (dall’85’ Iezzi), Belardinelli, Emmanuello, Vitale (dall’85’ Erradi), Crialese (dall’85’ Gatto); Bunino (dal 78′ Silenzi), Comi (dal 93′ Rolando). A disposizione: Rendic, Carosso, Sangiorgi, Clemente, Rizzo. All. Scienza.

Arbitro: Claudio Petrella di Viterbo; assistenti Marco Croce di Nocera Inferiore e Giuseppe Cesarano di Castellammare di Stabia; quarto uomo Clemente Cortese di Bologna.

Gol: 3′ Bunino (PV), 13′ Comi (PV), 69′ e 84’Galuppini (RE)

Ammoniti: Crialese (PV), Comi (PV), Celeghin (RE), Vitale (PV), Chakir (RE), Baldassin (RE), Tintori (PV), Cristini (PV), Galuppini (RE).

Espulso: Auriletto (PV) al 95′ per gioco pericoloso.

Massimiliano Muraro

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

2 Commenti

  1. Condivido il tenore del commento .. qualcun altro (legog e sento .. in giro) cerca dei capri espiatori .. secondo me forse manchiamo di spirito di gruppo .. svarioni e disattenzioni .. allora .. semmai il responsabile è l’allenatore che potrebbe esser stato esautorato dalla dirigenza . nel bene o nel male?? .. e … non diamo la colpa a Tintori .. se poi ci mangiamo gol già fatti mica può esser freddo come un iceberg .. se crittichi tintori tu un tintenditanto (dico a un amico tifoso) .. https://www.youtube.com/watch?v=a_epoIdINq0

Rispondi a vraie55 Cancella la risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here