Cordoglio a Vercelli per la scomparsa di Rina Giovannacci, punto di riferimento per la cultura in città

Caterina Giovannacci

Grande cordoglio a Vercelli per la scomparsa di Caterina Giovannacci (Rina), 81 anni, che ha fatto a suo modo la storia della cultura vercellese con la sua celebre e storica Libreria Giovannacci, luogo che ha una tradizione ultracentenaria. Difatti, anche sulla pagina facebook della libreria, dove campeggia la sua foto che pubblichiamo, sono tantissimi i messaggi di vicinanza alla famiglia e di ricordo della figura di Rina.

Come ricordano alcuni, Rina Giovannacci, suo marito Pino Costantini e la Libreria Giovannacci sono stati punto di riferimento e per svariate generazioni di giovani vercellesi. La libreria come un luogo dove acquistare cultura, sì, ma anche come un luogo dove parlare e confrontarsi su tutti i temi e dove Rina si distingueva sempre per gentilezza e cultura. Remo Bassini, ex direttore de La Sesia e valente scrittore, sul suo sito di news vercellese scrive: “Con Rina se ne va un pezzo di storia di tanti di noi. Fu un piacere e un onore conoscerla”.

La libreria Giovannacci è oggi gestita dal figlio, Marco Costantini. Dalla storia dell’attività riassunto sul sito si apprende che “i Giovannacci s’insediano nel 1907 in piazza Cavour nell’attuale chiosco dell’edicola sotto i portici, nel 1965 aprono il negozio di fronte (l’attuale “L’Enfant Gatè”) dove restano sino al 1972, quando, 113 anni dopo la sua fondazione, la libreria cambia sede trasferendosi nella vicina via Fratelli Laviny N. 10”. Con Rina Giovannacci scompare dunque un pezzetto di storia di Vercelli, e oggi sono in tanti a porre le loro condoglianze ai figli di Rina, Marco ed Emilio.

I funerali di Rina Giovannacci si terranno domani, giovedì 28 ottobre, alle ore 10.30 alla chiesa di Sant’Agnese.

 

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

1 commento

  1. Difficile trovar il modo di ricordarla; a Vercelli tutti la conoscevano e sarà impossibile dimenticarne la figura, che si movesse in negozio o in giro per la città. L’ultima testimone dei tempi in cui un libro era un libro ed il libraio era parte di ogni libro. Competente e disposta al dialogo con tutti, sempre discreta, per ognuno aveva le parole giuste.

Rispondi a vraie55 Cancella la risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here