Il Carvè non si può fare per il Covid: ecco il programma alternativo

 

La pandemia ha fermato il Carnevale e le varie sfilate, come anche tutte le altre manifestazioni, ma non per questo lo spirito benefico che da sempre accompagna questo periodo dell’anno si è consumato. Il consiglio direttivo del Comitato manifestazioni vercellesi, presieduto da Stefano Roncaglia, ha infatti messo a punto alcune iniziative che vedranno l’avvio nel fine settimana. La prima, di cui abbiamo già parlato è la Spesa Sospesa al Mercato di Campagna amica della Coldiretti (leggi qui). 

Bicciolano e Bèla Majin (Enrico Rampazzo e Valeria Viesti) con le maschere del carnevale vercellese e ancora assieme ai volontari della Croce rossa di Vercelli, saranno poi presenti, sabato 13 e domenica 14, dalle 10 alle 18, in un noto centro commerciale di Vercelli dove è stata organizzata una raccolta di derrate alimentari per le famiglie bisognose della città. I volontari della Cri, con le maschere ed i loro seguiti, distribuiranno dei sacchetti che le persone intente a fare la spesa nel centro potranno riempire con prodotti alimentari da donare. 

Altro progetto che vedrà la luce nei prossimi giorni è l’organizzazione di un concorso fotografico a tema carnevalesco suddiviso in tre categorie: ragazzi, adulti e gruppi mascherati. Sarà un concorso “virtuale” con il quale si vogliono premiare gli scatti più belli e divertenti;  i vincitori riceveranno in premio buoni spesa da usare nei negozi della città di Vercelli e chi vorrà partecipare dovràpubblicare le fotografie in maschera in un apposito gruppo realizzato su Facebook a cura del Comitato manifestazioni vercellesi. Il regolamento del concorso sarà pubblicato a breve sulla pagina Fb del Comitato.

Da ultimo, segnaliamo l’iniziativa che dalla fine della prossima settimana interesserà i portici di piazza Cavour con una sorta di carnevale “sospeso”, ma questa volta nel senso letterale della parola (anche se, in questo modo, si vuole rimandare il pensiero all’iniziativa della spesa sospesa in programma sabato mattina). “Con questo progetto – spiega Stefano Roncaglia, presidente del Cmv – vogliamo che il Carnevale di Vercelli continui ad essere presente nel quotidiano di tutti i vercellesi almeno con le immagini, quelle delle sfilate delle edizioni passate e di altri momenti particolarmente significativi che, stampate su dei pannelli, saranno poi appese lungo il porticato. Da qui, appunto, il richiamo, scherzoso, al Carnevale sospeso”.

Love
Haha
Wow
Sad
Angry

2 Commenti

  1. Il Carnevale Sospeso (come pure le altre lodevoli iniziative… lodevoli.. per lo spirito che le anima) sembra piuttosto una conclamata Quaresima. La colpa e’ tutta di sua Maesta’, la Pandemia??.. qualcuno (che sia davvero “competente”) la ha di recente attentamente auscultata?

  2. Sospese anche le due maschere vercellesi? (ormai ben piu’ che mature) . Resteranno insediate a vita? Come il nostro Parlamento. Non sarebbe un male, visto che, al contrario, il papato e’ diventato “a tempo” .

Rispondi a vraie55 Cancella la risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here