Le pagelle di Settembre dei politici di Vercelli

Iniziamo da oggi un appuntamento fisso, che avremo una volta al mese, per tirare le somme con il “Pagellone” della politica della nostra Vercelli. Un modo 'calcistico' che crediamo sia simpatico e speriamo anche divertente per misurare i progressi o i passi indietro fatti, a “insindacabile giudizio” del nostro Aldo Sizzano, degli amministratori da noi eletti. Un modo anche un po’ goliardico per non prendersi troppo sul serio e per sdrammatizzare personaggi che a volte appaiono fin troppo paludati. Siamo certi che i voti faranno discutere, che non tutti saranno d’accordo e che, di certo, qualcuno con giudizi troppo bassi o taglienti se la prenderà. Ma a questi ricordiamo che l’ironia è il sale della vita, che il nostro Pagellone in fondo è solo un gioco e come tale va accettato, e che una bocciatura oggi può facilmente tramutarsi in una promozione domani.

Tutti in gioco dunque e pronti a confrontarsi con i voti e la pagella, come a scuola, come dovrebbe ricordare il nostro Sindaco, Maura Forte, che nei suoi anni da insegnante di voti ne ha distribuiti tanti. E proprio da lei parte la pagella di settembre, buona lettura.   

 


Il SINDACO

MAURA FORTE, voto 5: Le nomine errate, gli incarichi a “pokeristi e pedraliani”, l’aumento pesantissimo delle tasse. Un mese da dimenticare. RIMANDATA

 

LA GIUNTA

ANDREA GIBBIN, SV: gli daremo un voto quando lo vedremo davvero autonomo dai dirigenti comunali. VICE SOLDATINO


ADRIANA SALA BREDDO, voto 6.5: si dà un gran daffare negli uffici e pare dia udienza a tutti. Ci aveva ben abituato in opposizione. INSTANCABILE.


CARLO NULLI ROSSO, voto  5,5: doveva essere Sindaco, poi Consigliere Regionale, poi Vice Sindaco, poi Presidente del Consiglio Comunale, alla fine ha avuto uno strapuntino in Giunta ma non si nota granché, anzi proprio per niente. NULLI


FRANCO PISTONO, voto 6: la grana dell’inceneritore è una bella patata bollente, se poi hai anche un Sindaco che ascolta in udienza anche gruppi che a Vercelli contano poco o nulla e per ragioni di necessità non la puoi mandare a stendere... tutto si complica. Siamo però certi che sullo sgombero neve farà meglio del suo predecessore! STIMATO.


ANDREA RAINERI VOTO 6.5 : bene le fasce orarie per “pre e post scuola”, può fare meglio del passato sugli asili nido. GO ANDRE

 

ALCUNI CONSIGLIERI

DEMARIA, voto 6: è finita la campagna elettorale, lui si impegna, ma la politica non è ancora il suo pane. Dovrebbe delegare di più e proporsi meglio per dare la stoccata vincente. MEDIANO


RANDAZZO, voto 7: uno dei migliori dell’opposizione per ora, forse era lui il candidato giusto per il centrodestra, sicuramente se continua così forse lo sarà tra cinque anni. BOMBER


POLITI, voto 5: invece di fare comunicati stampa contro la Massa e difendere ad oltranza Corsaro, dovrebbe occuparsi più di determine e delibere. SVOGLIATA


CRESSANO, SV: aspetta evidentemente l’assoluzione definitiva dal processo Provincia per rinascere. Ne passa di acqua sotto i ponti, il tempo sarà galantuomo. Speriamo, però, che i ponti non cadano più! ANONIMO


MATERI, voto 5.5: voleva fare il Sindaco, si è 'accontentato' di essere il Consigliere più votato. Deve fare e parlare di più, magari fumando meno sigarette. INFORMATICO


CAPRA, voto 6.5: La ragazza ha gli attributi, ma quanto resisterà nel Pd dove l’hanno esclusa senza motivo dalla Giunta? INDOMITA


BASSINI, voto 6: si fa trascinare da Massa ed è giusto così, da lui ci aspettiamo di più, è il fantasista del Consiglio comunale, ma ha toccato ancora pochi palloni. SINISTRO


MASSA, voto 7: brava, a tratti bravissima. Da troppo tempo all’opposizione, forse era lei l’Assessore giusto per le Politiche sociali. DÉJÀ VU


GAIETTA, voto 6: bravo Presidente del Consiglio comunale, chissà se ha capito che la sua nomina e l’odg  approvato poco dopo, hanno impedito ai famigliari dei consiglieri di piombare nei Cda delle municipalizzate? PATRICIDA


MARINO E PASQUINO, voto 5: devono impegnarsi anche loro di più, fare i Consiglieri di opposizione e non farsi sentire mai ha poco senso. QUASI BOCCIATI


STECCO, voto 7: il toscanaccio della Lega è un vero “rompi palle”. Nel senso positivo del termine, epici i suoi scambi con SiamoVc, epico come ha smascherato la Forte sulla nomina dell’Afm. C’è chi sogna un tridente Randazzo, Brusco, Stecco.  PIERINO


COMETTI, voto 5.5: ha l’arrabbiatura facile, così come facilmente nella sua storia ha cambiato partito: Forza Italia, Udeur e Lista Civica della Forte. CAMALEONTICO


CARADONNA, voto 6.5: se appoggia di più Donatella Capra, sarà la vera novità del Consiglio. POTENZIALE


ADRIANO BRUSCO, voto 7: C’è chi dice che i Consiglieri comunali di centrosinistra, nella prima seduta, lo prendessero in giro. Ora hanno poco da ridere, il grillino infatti scrive e si documenta.  MARTELLO

 

di Aldo Sizzano

 


Condividi questo articolo sui Social


Commenti a questo articolo





Cosa pensi di ciò che hai letto?
0VotaInteressante
0VotaCurioso
0VotaD'accordo
0VotaContrario
0VotaDa condannare
0VotaTerribile!















Zone