Al Civico La Traviata

Sarà una “Traviata” che avrà molti protagonisti legati al territorio vercellese quella che verrà rappresentata domenica 12 novembre alle 17 al teatro Civico. A portarla in scena l'associazione “Ritorno all'Opera” in collaborazione con la Scuola “Vallotti”, il coro “Viotti” diretto da Stefania Bellini, che per l'occasione si unirà alla Corale Sant'Abbondio di Buronzo del maestro Lorenzo Battagion, e l'Accademia di Danza Città di Vercelli con il patrocinio del Comune.

Si tratta di uno dei capolavori di Giuseppe Verdi che per il libretto si affidò a Francesco Maria Piave. La trama riprende “La signora delle Camelie” di Alexandre Dumas figlio. La prima al Teatro La Fenice di Venezia il 6 marzo 1853 non andò bene, soprattutto per il tema, troppo scabroso per la società borghese dell'epoca, e – si dice – per via degli interpreti non all'altezza. Andò meglio l'anno successivo, tuttavia Verdi per sfuggire alla censura fu costretto a spostare l'ambientazione dal XIX al XVIII secolo.

La storia de “La Traviata”, melodramma in tre atti, è nota. Violetta Valéry (qui fatta rivivere dal soprano Clara Bertella), giovane cortigiana parigina, per amore di Alfredo decide di cambiare vita, di abbandonare Parigi, i suoi lussi e le sue trasgressioni, e di trasferirsi in campagna. Lì i due innamorati vivono felici, ma un giorno arriva il padre di Alfredo, Germont il quale chiede a Violetta di lasciare Alfredo per sempre perché la loro convivenza disdicevole rischia di far saltare il matrimonio dell’altra sua figlia, la sorella di Alfredo. Violetta cerca di opporsi, ma alla fine, convinta da Germont, scrive una lettera di addio ad Alfredo, spiegandogli che ha nostalgia di Parigi e della sua vita di prima. Alfredo, sconvolto dalla rabbia e dalla delusione, la raggiunge e la offende pubblicamente gettandole del denaro ai piedi. Violetta, malata di tisi, è ormai in fin di vita quando Alfredo, venuto a sapere la verità, va a chiederle perdono. Dopo averlo rivisto per l’ultima volta, Violetta si spegne.

Violetta avrà il volto di Scilla Cristiano, mentre Alfredo sarà il noto tenore Massimiliano Pisapia. Nel ruolo di Annina Moonkin Kim, studentessa della “Vallotti” scelta dopo una serie di audizioni interne alla scuola (aveva partecipato anche il tenore Yong Hyun Ryu, vincitore del concorso lirico “Valsesia Musica”). Nell'orchestra diretta da Claudio Maria Micheli suoneranno anche i musicisti della “Vallotti” Liliana Mijatovic (violino), Valentina Ponzoni (violoncello), Giuseppe Canone (clarinetto), Paolo Turino (clarinetto) e Ivan Rondano con la sua allieva Anita Giocondo (flauto). Regia di Alessandro Bertollotti.

Per acquistare i biglietti esistono tre alternative: da Dosio Music in via Verdi, alla biglietteria di via Monte di Pietà (http://bit.ly/2e0gBm8) o attraverso il circuito happyticket (http://bit.ly/2hwrNrs). 


Condividi questo articolo sui Social


Commenti a questo articolo





Cosa pensi di ciò che hai letto?
0VotaInteressante
0VotaCurioso
0VotaD'accordo
0VotaContrario
0VotaDa condannare
1VotaTerribile!















Zone