La partita della Pro, poi la morte nel sonno a casa della mamma

 

 

 

Vercelli - Ieri sera era andato a vedere la partita della Pro Vercelli, accanto al presidente Massimo Secondo (che, in questo momento è uno dei tanti sconvolti per la notizia). Poi si è diretto a Trino, per andare a dormire in casa della mamma, perché la moglie, Betty Borgia, avvocato (come lui), novarese, era in vacanza in Sardegna. Gianmario Demaria, da un mese delegato provinciale della Federcalcio, strada facendo ha chiamato alcune persone per parlare dei progetti legati al calcio, ma anche di tante altre cose. Con Gianmario Morello, ad esempio, suo successore in Provincia, si era messo d’accordo per vedersi e approfondire alcuni temi amministrativi. Con Andrea Coppo aveva parlato di temi legati al suo fresco incarico federale. Poi, ha raggiunto Trino e si è messo a letto. L’hanno  trovato la mamma e il fratello stamane alle 7:?non dava più segni di vita. Inutili tutti i soccorsi. Per l’anziana donna il ripetersi di un dolore immenso, perché anche il marito era morto prematuramente nello stesso modo.

Gianmario Demaria, avvocato civilista, aveva aperto un primo studio con la collega Raffaella Ginipro in via Foa, a Vercello. Poi si erano trasferiti in piazza D'Azeglio e negli ultimi si erano spostati in viale Garibaldi, proprio sopra l'omonimo bar, in un ufficio accanto a quello del penalista Roberto Rossi.

Oltre alla moglie e alla mamma, Gianmario Demaria lascia il fratello Maurizio, medico a Trino. Essendo stato anche il legale della Pro Vercelli, la società di Massimo Secondo, in segno di lutto, ha annullato la presentazione ufficiale del nuovo main sponsor che era in programma oggi a mezzogiorno in sala stampa. Si svolgerò contestualmente alla presentazione della squadra al Civico il 24 agosto. Anche il Trino Calcio, di cui Demaria era stato alacre e appassionato dirigente ha emesso, a firma di Marco Miglietta, un comunicato intriso di sofferenza.


Tra i primissimi ad accorrere a Trino, il presidente della Provincia Carlo Riva Vercellotti che, nell'ultima giunta prima della rivoluzione Delrio aveva appunto affidato le deleghe di Istruzione, Cultura e Sport a Demaria. Riva Vercellotti è sconvolto: "Quando questa mattina, poco dopo le 8, ho ricevuto la notizia, incapace di crederci sono andato col pensiero a quel drammatico pomeriggio in cui proprio lui, Gianmario, mi aveva comunicato la scomparsa del nostro grande amico Felix Lombardi. E quando oggi, come allora, ho realizzato che purtroppo era tutto vero, mi sono sentito gelare il sangue. Allora ho subito chiamato Betty, che doveva tornare domani alla Sardegna. Avevo programmato con Gianmario che, prima di andarla a prendere all'aeroporto, avremmo mangiato qualcosa assieme. Poi sono andato a Trino per salutarlo. Era nel letto e sembrava sereno. La mamma mi ha detto che, verso le sette, ha detto all'altro figlio, Maurizio: vai a svegliare tipo fratello. E l'hanno trovato morto. Per me è una perdita enormemente dolorosa, non so ancora capacitarmi".

 

L'angoscia a Trino e a Vercelli è manifesta e palpabile. Roberto Rosso parla a stento: “Eravamo amici fraterni, anche se io avevo qualche anno più di lui. Quante vacanze assieme, quante cose condivise, nella vita di tutti i giorni. Ultimamente stavamo parlando di una sua eventuale candidatura a sindaco. L’idea gli piaceva. Ci avremmo lavorato e sarebbe stato un sindaco fantastico”.

A proposito di sindaco, Andrea Corsaro, ex sindaco di Vercelli e collega avvocato, non riesce letteralmente a dire una sola parola e fatica a pronunciare anche una sillaba il coordinatore cittadino di Forza Italia (Demaria era il suo omologo provinciale), Antonio Prencipe, se non per ricordarlo come persona straordinaria e perbene. Non riesce a parlare di Demaria nemmeno un altro collega Filippo Campisi: troppa la sofferenza. Fatica a trovare le parole persino Piergiorgio Fossale, amico di una vita. E Luca Pedrale si dichiara incredulo: “Era una persona per bene, culturalmente molto preparato, ma soprattutto era un buono”. Colpitissimo dalla sua scomparsa anche Tony Bisceglia (Demaria era stato per anni capodelegazione Ascom a Trino), che oltre alla stima aveva con lui una sincera amicizia. Incredulo e provato  anche un altro amico-Ascom, Beppe Miazzone.

Su Facebook , il sindaco dem di Trino, Alessandro Portinaro, trova parole molto belle: “Una persona appassionata gentile, con cui avevo condiviso idee e progetti, quando aveva ricoperto il ruolo di assessore provinciale alla Cultura. Ci si incrociava spesso per Trino, a volte qualche telefonata per scambiarsi opinioni, con più calma.Davvero non riesco a crederci. Un abbraccio fortissimo alla sua famiglia. Che la terra ti sia lieve”.

E pure su Facebook, Alberto Cortopassi, per molti anni stretto collaboratore di Demaria in Forza Italia, scrive: “Una delle persone più garbate e disponibili che abbia mai conosciuto”.

Il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio Fernando Lombardi, ricorda l’ultino pranzo con lui, mercoledì, al ristorante: “Abbiamo anche scherzato sulla mia pancia e lui mi ha detto che riusciva a mantenersi in forma con il calcetto e il tennis. Abbiamo riso. Oggi la notizia che mi ha sconvolto. Gli volevo bene, e non riesco a capacitarmi”

 

 

Infine, io ringrazio davvero i tanti che hanno parlato per me. Perché pure io non riesco a trovare le parole appropriate per ricordare una persona che aveva centrato la sua esistenza sullo stile, l’apertura al dialogo, la correttezza e la coerenza.

Mi mancherà tantissimo, mancherà tantissimo ai vercellesi, ai trinesi, allo stuolo di persone che gli volevano bene.

 

Edm.

 

 

 

In ricordo di Gianmario Demaria domani, martedì, alle ore 18 nella Parrocchia San Bartolomeo di Trino si terrà il Santo Rosario. Mentre i funerali saranno celebrati mercoledì alle ore 10 sempre in San Bartolomeo a Trino.

 

(Nella foto Gianmario Demaria è accanto al presidente della Provincia Riva Vercellotti, a Paola Piola e all'allora sindaco Corsaro durante la presentazione di un'edizione del Premio Piola in Provincia)

 


Condividi questo articolo sui Social


Commenti a questo articolo





Cosa pensi di ciò che hai letto?
0VotaInteressante
0VotaCurioso
3VotaD'accordo
0VotaContrario
0VotaDa condannare
2VotaTerribile!















Zone