DIVERGENZE / 70 - I migranti e Pinocchio Macron

Il neo presidente della Francia Emmanuel Macron, gollista che piace tanto alla sinistra europea, ha detto, a proposito dei migranti, che l'"Europa ha sbagliato a non ascoltare il grido di allarme dell'Italia", intendendo, penseremmo, che il nostro Paese andrebbe sgravato da una situazione ormai insostenibile di forzata accoglienza di centinaia, se non di migliaia di persone al giorno, senza alcuna collaborazione da parte degli altri Paesi europei.

 

Proprio nel momento in cui diceva queste cose, trecento migranti sudanesi sono riusciti a risalire il fiume Roya a Ventimiglia, e a raggiungere la Francia, la meta agognata. Ebbene la Francia ha dispiegato uomini, elicotteri, persino cani-poliziotto; ha rintracciato duecento profughi e li ha riportati in Italia, avvisando le autorità di frontiera del nostro Paese, che non hanno nemmeno tentato di protestare.

 

Questa sarebbe, dunque, la "collaborazione" offerta dalla Francia all'Italia. Ah sì, in effetti, dopo essersi commosso per il "grido di allarme" dell'Italia, il Presidente francese ha aggiunto che vanno accolti solo i migranti che fuggono da guerre, dittature o prigionie, non gli "economici". Interessante. I duecento sudanesi riportati a Ventimiglia erano tutti economici? E chi la identificati come tali? I cani-poliziotto?

 

ENRICO DE MARIA


Condividi questo articolo sui Social


Commenti a questo articolo





Cosa pensi di ciò che hai letto?
0VotaInteressante
1VotaCurioso
0VotaD'accordo
0VotaContrario
1VotaDa condannare
0VotaTerribile!















Zone