Vestiti ed esci a vedere...





IL PERMESSO-48 ORE (Movie Planet, Borgo Vercelli)


Dopo il grazioso e divertente "La mossa del pinguino", con l'improvvisata e improbabile  squadra di curling che decide di iscriversi alle Olimpiadi, Claudio Amendola cambia totalmente registro per la sua seconda opera da regista e racconta le 48 ore di libertà concesse a quattro detenuti del carcere di Civitavecchia: la venticinquenne Rossana, trafficante di cocaina; il cinquantenne Luigi, che sulla coscienza ha due omicidi e che è al diciassettesimo anno di detenzione; il venticinquenne Angelo, in cella per rapina, e il trentacinquenne Donato, detenuto, ma innocente.

La sceneggiatura, scritta da Amendola (che figura anche tra gli interpreti), con Roberto Jannone e Giancarlo De Cataldo esplora singolarmente le quattro storie di questi due giorni di libertà, intrecciandole con un sapiente montaggio. Luca Angertero è un inusuale (per lui) "cattivo" da antologia, ma l'intero cast (completato da Giacomo Ferrara e da Valentina Ballè) è davvero all'altezza delle ambizioni del film.


LA RECENSIONE- FLASH:


LOGAN- THE WOLVERINE. "La tranquillità è tornata nella vallata". Il celeberrimo discorso che Shane, il leggendario cavaliere della valle solitaria, rivolge al giovane Joey, nel finale di uno dei più noti e amati western di tutti i tempi (il film di Geoge Stevens è del 1953), viene riproposto parola per parola dalla  giovane mutante Laura/X 23 sulla tomba del padre, Logan-Wolverine, che non poteva che essere sconfitto (e ucciso) da un se stesso, ma più giovane. L'epilogo del terzo e ultimo spin-off dedicato all'eroe-simbolo della fortunata saga degli X men, è, come avevamo scritto in sede di presentazione, una bella e intelligente  opera crepuscolare ispirata ai western, commovente e feroce (al punto che negli Usa il film di James Mangold è vietato ai minori), intimista ma anche spettacolare. Si tratta probabilmente dell'addio di Hugh Jackman al suo personaggio più popolare, ma non alla saga degli X men, visto che la terribile Laura - che piange la sorte del padre, ma che stacca teste e arti ai cattivi di turno con i suoi micidiali artigli di adamantio-, prima di abbandonare la tomba di Logan per raggiungere i suoi amici dai poteri inquietanti, piega la croce sul cumulo e la trasforma in una X. Per noi un bell'8 pieno.


Al link sotto la programmazione al Cinema Italia di Vercelli


http://cinemaitaliavercelli.altervista.org/


 


 


Al link sotto la programmazione alla multisala Movieplanet di Borgovercelli


http://www.movieplanetgroup.it/mp_vercelli/index.php


Condividi questo articolo sui Social


Commenti a questo articolo





Cosa pensi di ciò che hai letto?
0VotaInteressante
0VotaCurioso
0VotaD'accordo
0VotaContrario
0VotaDa condannare
0VotaTerribile!















Zone